Menu
PANICO E GABBIADINI TRASCINANO L'ITALIA ALLA VITTORIA

PANICO E GABBIADINI TRASCINANO L'IT…

Con le reti della solita ...

CABRINI: “CON LA ROMANIA SARÀ DURA, MA VOGLIO I 3 PUNTI”

CABRINI: “CON LA ROMANIA SARÀ DURA,…

A poche ore dal match con...

UNA BUONA ITALIA, MA NON BASTA!

UNA BUONA ITALIA, MA NON BASTA!

Le azzurre di Cabrini non...

UNDER 17……Grazie…semplicemente…GRAZIE!!!!

UNDER 17……Grazie…semplicemente…GRAZ…

94’ minuto di gioco… la p...

FORZA AZZURRINE, PRENDIAMOCI IL TERZO POSTO MONDIALE!

FORZA AZZURRINE, PRENDIAMOCI IL TER…

Oggi si conclude l'esperi...

Prev Next
brescia32 chiasiellis32 como32 firenze32 inter32 mozzanica32 napoli32 grifo-perugia32 pordenone32 resroma32 riviera32 scalese32 tavagnacco32 torres32 valpo32 bardolino32

"PRIMAVERA" LA PAURA DEL GRANDE SALTO

  • Categoria: Calcio Giovanile
  • Visite: 3896
  • Scritto da maurizio faretta
Arriva l'estate, i campionati terminano e finisce la scuola. Le nostre ragazze però oltre al dubbio su quale scuola scegliere, o se è stato giusto preferire un liceo ad un istituto tecnico, accantoneranno un altro problema sotto l'ombrellone, un passaggio importante, per il loro progetto di calciatrici: il grande salto nella squadra "Primavera".

E' il vero esame di maturità, allenarsi e misurarsi con ragazze molto più grandi,con un gruppo già consolidato, dove non è sempre facile integrarsi. In certe regioni manca purtroppo l'anello di congiunzione tra le squadre esordienti, dove la componente ludica è ancora basilare e la "primavera", dove il gioco sparisce e diventa impegno e serietà. Nelle regioni trainanti del movimento calcistico femminile, come la Lombardia, esiste un campionato: "Giovanissime", che riesce a fare evolvere con una certa costanza le adolescenti, con una scrematura meno traumatica tra le giovani calciatrici. Purtroppo dove non esistono queste campionati, molte ragazze non riescono a sopravvivere al primo anno di squadra "primavera". 
Panchine, ma soprattutto tante mancate convocazioni, aggiunte alla difficoltà di integrazione delle quindicenni, con un gruppo affiatato e granitico di diciottenni, portano all'abbandono di molte atlete.  
Sarà pertanto basilare che le società, i dirigenti e i tecnici creare un ambiente competitivo, ma sano, perchè le adolescenti continuino a coltivare la loro passione per il calcio.

Maurizio Faretta

You have no rights to post comments

ALBO D'ORO

SERIE A

SERIE B

NOTIZIE
SQUADRE: A-B-C-D
CALENDARIO
A-B-C-D
RISULTATI
CLASSIFICA
A-B-C-D

COMUNICATI

MONDO CD

CALCIODONNE.EU
risultati e classifiche live
CALCIODONNE.TV
video e Tv
GOLDENGIRLS.IT
awards del calcio femminile

LINKS UTILI