Venerdì, 27 Novembre 2020
appstore googleplay
windows store
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Marta Schirò invita l’Olimpus a non abbassare la guardia. “A Thiene dovremo stare attente!”

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


ROMA – L’Olimpus Roma viaggia a pieno regime, con uno score pieno dopo quattro gare. La formazione di Daniele D’Orto, che ha giocato in settimana il recupero infrasettimanale contro il Futsal Breganze, sarà di scena a Thiene nel week-end. Contro la compagine rossonera sarà importante rimanere concentrati e non far calare l’attenzione, come conferma Marta Schirò, numero “11” dell’Olimpus.
Che partita ti aspetti da questa matricola?




SCHIRO’: “E’ sicuramente una squadra che ha tanta, tanta voglia di dimostrare di poter stare in questo campionato. Dovremo comunque stare attente, entrare concentrate e con molta determinazione. E’ una partita da non prendere sotto gamba, a maggior ragione dopo il risultato di Breganze (il Città di Thiene nel derby veneto ha perso di misura, 4-3, ndr). Tutte le gare sono importanti”

Ci arriverete stanche sarà per voi la quarta partita in due settimane. Come state dosando le energie?
SCHIRO’: “Abbiamo giocato tante partite, per fortuna abbiamo una rosa molto ampia, il mister la sta gestendo al meglio, facendo riposare chi è più stanco. Penso che questo, dal punto di vista fisico, non sarà un problema”

Hai avuto la possibilità di giocare l’ultima partita contro il Breganze, come ti sei trovata in campo?
SCHIRO’: “Mi sono trovata bene, soprattutto con le nuove. Penso che quest’anno si possa fare molto bene”.

Ufficio Stampa
OTTAVIANICOMUNICAZIONE

Author: redazioneEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.