Venerdì, 22 Novembre 2019
appstore googleplay
windows store
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Atalanta - Fiammamonza 2 - 2

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Chi di rigore ferisce di fuorigioco perisce Nell’ultima gara della stagione le nerazzurre ribaltano il temporaneo vantaggio targato Daniela Stracchi trasformando elegantemente due penalty concessi. La Fiammamonza raggiunge il definitivo pareggio quando Stracchi dai venti metri esplode una conclusione imprendibile considerando inoltre il fatto che l’estremo difensore bergamasco Filippi si è visto coperto da giocatrici brianzole in evidente posizione irregolare. Il direttore di gara Lorenzo della sezione di Lodi, in compagnia del primo assistente di linea Andresi, non ravvedono la clamorosa posizione concedendo un 2-2 che al tirar delle somme appare comunque equo. L’Atalanta chiude la stagione centrando il suo secondo pareggio del campionato (l’altro lo ottenne in Friuli sul campo del Chiasellis costretto ora allo spareggio salvezza col Trento), una divisione della posta che quanto meno permette alle atalantine di chiudere la stagione con un risultato positivo. Una cosa è certa: quando l’Atalanta vuole giocare è in grado di farlo indipendentemente dal valore delle varie antagoniste. La Fiammamonza infatti è una delle squadre più quotate della massima serie, eppure nessuno dei presenti al comunale di Almenno San Salvatore ha visto una reale differenza di valori. Sicuramente l’ingresso in campo di Manuela Mangili ha vivacizzato l’attacco orobico, dai sui tentativi d’offesa sono nati i due rigori decretati, dai suoi guizzi sono nate le maggiori azioni offensive delle ragazze di mister Michele Zonca. Nel contesto di una prima frazione sotto tono (su ambo i fronti) la Fiammamonza rompe il ghiaccio con Veronica Vinci sulla quale l’estremo difensore Carlotta Filippi compie un grande intervento in perfetta distensione. Le brianzole passano a condurre con Stracchi, abile nell’incornare un traversone della Paliotti con sentiti ringraziamenti alla retroguardia di casa. la prima frazione dice veramente poco mentre nella ripresa la gara si movimenta complice l’ingresso di turbo Mangili. Un clamoroso palo di Riboldi nega il pareggio, sul versante opposto un tiro cross della Paliotti bacia la traversa, mentre un perfetto inserimento in area di Zizioli non porta frutti. Mangili viene fermata fallosamente (dentro o fuori dall’area?) e l’arbitro decreta il penalty trasformato da Scarpellini. Poco dopo si ripete il copione. Un presunto atterramento sulla Mangili vale il secondo penalty del pomeriggio realizzato magistralmente dall’ex di turno Samantha Ceroni. La Fiammamonza trova il pareggio con Stracchi (conclusione dai venti metri), complice una evidente posizione di fuorigioco. Pari e patta, fine dei giochi. Bardolino Verona campione d’Italia, Firenze retrocesso in A2 mentre Trento e Chiasiellis faranno lo spareggio. Cala il sipario, si chiude un campionato dove l’Atalanta ha raggiunto in anticipo la permanenza in massima serie ovvero il primo obiettivo stabilito dal sodalizio capitanato da patron Maraglino sin dai tempi del ritiro precampionato in quel di Premolo. Atalanta-Fiammamonza 2-2 Atalanta: Filippi, Zanoletti, Ceroni, Zizioli, Rota, Fagiolini, Scarpellini (33’st Teli), Ramera, Bonometti, Riboldi, Caio (1’st Mangili). Allenatore: Zonca. Fiammamonza: Marchitelli, Balconi, D’Adda, Dedè, Schiavi, Donghi, Franchin, Paliotti, Greco, Vinci (33’st Bertoni), Stracchi. Allenatore: Grilli. Arbitro: Lorenzo di Lodi (assistenti Andresi e Alvino) Reti: 39’pt e 37’st Stracchi, 20’st Scarpellini (rig.), 32’st Ceroni (rig.) Ufficio stampa Atalanta Kono
Author: AdminEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

No Results Found

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!