Giovedì, 14 Novembre 2019
appstore googleplay
windows store
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Serie A

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Un Gioiello Firenze tenace e combattivo e che non può rimproverarsi niente fa 0-0 con la Reggiana, dopo aver rischiato qualcosa, ma non sfigurando al cospetto di una squadra di alto livello. Le viola hanno giocato col lutto al braccio per la scomparsa della mamma di Mario Nicoli, tecnico delle Giovanissime dei record, le cui esequie si svolgono praticamente in contemporanea con la partita. Contemporaneamente il Trento ha perso 0-3 in casa col Milan mentre il Chiasiellis ha fatto 2-2 nel derby col Tavagnacco e ora è davanti alle viola di tre punti (a quota 18), mentre il Trento resta a 16, col Gioiello a 15. Tutto si deciderà all’ultima giornata, sabato prossimo, quando le viola andranno a far visita al Torino mentre il Chiasiellis andrà a far visita proprio alla Reggiana, mentre il Trento giocherà in Friuli col Tavagnacco. In caso di vittoria viola, con concomitante sconfitta del Chiasiellis e sconfitta o pareggio del Trento le viola andrebbero allo spareggio per restare in A proprio col Chiasiellis.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Il Torino continua a non vincere! Pareggia a Monza, alternando un grintoso primo tempo ad un secondo tempo con poche idee Peccato, perchè la squadra lombarda, non sembrava così imbattibile malgrado i 4 punti in più in classifica. Per vivere la prima emozione bisogna attendere il 23' del primo tempo. Ed è il gol del vantaggio della squadra di casa: calcio d'angolo, difesa e portiere immobili e colpo di testa della Greco che batte inesorabilmente la nostra Caravilla. Per fortuna la reazione c'è subito ed al 29' tiro beffardo di Cassanelli che inganna l'estremo difensore monzese con un tiro a campanile che fà esultare i tifosi granata giunti a sostenere la propria squadra: siamo 1-1. Un minuto dopo il Fiammamonza potrebbe raddoppiare, ma Franchin, sola davanti al portire calcia altissimo sopra la traversa. Il secondo tempo racconta poco o nulla: la sterile supremazia granata non preoccupa mai le avversarie. Da segnalare due buone iniziative di Ilaria Pasqui che su un colpo di testa al 15' e su tiro da fuori area al 30' impegna il portiere avversario. Proteste verso la fine per un fallo di mano in area monzese che ha fatto gridare al rigore, ma per l'arbitro si poteva continuare a giocare.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Bella gara della Reggiana Munarini sul campo del Firenze. In una partita sulla carta difficile la squadra granata gioca bene e tiene in mano l'incontro. Il Firenze ci crede e prova a vincere un match determinante per la classifica. Le occasioni migliori sono pero' delle ragazze di Mister Bertolini che piu' di una volta vanno vicinissime alla marcatura. Belle trame di gioco in fase offensiva da parte della Reggiana Munarini che si dimostra pero' anche attenta in fase difensiva controllando bene le avversarie. A differenza delle altre gare oggi sono fioccate le occasioni da rete purtroppo vanificate in fase conclusiva; in effetti le granata potevano piu' volte passare in vantaggio e anche arrotondare il punteggio ma tra imprecisione e sfortuna la gara si porta al termine sullo 0-0. Ancora tutto da decidere per chi retrocede; tutto rimandato all'ultima giornata. La Reggiana Munarini si avvia a chiudere un campionato piu' che dignitoso; si gioca Sabato a Correggio contro il Chiasiellis.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
BARDOLINO - TORRES, SI DECIDE LO SCUDETTO DIRETTA TV su RAISPORT ORE 15.00 Lunedì 14 Aprile alle ore 15,00 allo Stadio Belvedere di Calmasino per la penultima giornata del campionato di serie A si affronteranno Aqua Centro Pose Bardolino Verona ed Eurospin Torres nel big-match che potrebbe sancire la conquista matematica dello scudetto per le ragazze in maglia gialloblù con una giornata di anticipo. Quattro i punti di vantaggio di Boni e compagne nei confronti delle sarde. Bardolino dunque che può contare su due risultati utili per laurearsi di nuovo campione d'Italia, pareggio e vittoria.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Evidentemente la Riozzese è da considerarsi la bestia nera dalle atalantine. Le rosanero milanesi infatti bissano il successo ottenuto ad Almenno superando nuovamente un’Atalanta probabilmente appagata, in special modo a livello psicologico, dalla salvezza raggiunta. L’ultima trasferta della stagione è da archiviare il prima possibile nonostante le ragazze di mister Zonca possano recitare il mea culpa vista l’imprecisione davanti all’estremo difensore Francesca Ventura. Certo, il primo grosso pericolo era di marca locale quando l’attaccante Bonetti falliva la palombella vincente vanificando lo spettacolare invito della Lanzani. Sul versante opposto Manuela "Turbo" Mangili fallisce una specie di rigore in corsa piazzando a lato. Gara piacevole dove Gritti e Ventura si emulano a vicenda salvando rispettivamente su Bonetti e Mangili e nel prosieguo di una prima frazione giocata a corrente alternata Mangili, dal limite dell’area, difetta sorvola l’incrocio su invito offertogli dalla funambola Riboldi. Nella ripresa mister Zonca inserisce Fagiolini in sostituzione di una spenta Zanoletti, mentre Spini (entrata in sostituzione di Caio) è costretta ad arrendersi a causa di una botta rimediata proprio un momento prima in cui la Riozzese aziona la freccia del vantaggio.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
BARDOLINO VERONA SI IMPONGONO PER 4 RETI A 2 SUL CAMPO INSIDIOSO DEL TAVAGNACCO E RIPORTANO A 4 LE LUNGHEZZE DI VANTAGGIO SULLA TORRES. SCUDETTO AD UN PASSO, LUNEDI A CALMASINO LO SCONTRO DIRETTO DEL BIG-MATCH DECISIVO CON LA TORRES IN DIRETTA SU RAI SPORT SAT. Nel recupero della terz'ultima giornata del massimo campionato le ragazze di Aqua Centro Pose Bardolino si impongono per quattro reti a due sull'insidioso campo del Tavagnacco compiendo un passo forse decisivo verso la riconferma dello scudetto ed il ritorno in Europa. Tre giorni dopo la gara di Champions del Bentegodi Panico e compagne devono assorbire in fretta lo stress fisico e mentale concentrandosi subito sull'impegno di campionato. Mister Longega deve rinunciare alle infortunate Barbierato e Sorvillo sotituite dalle giovani Girelli e Magrini. In porta a sorpresa Picarelli prende il posto della più esperta Brunozzi. Le gialloblù, per l'occasione con la divisa di cortesia rossa, partono subito in attacco e sfiorano il vantaggio con la conclusione di Melania Gabbiadini respinta da Turra sulla linea. Al 16' il Bardolino passa: Valentina Boni raccoglie l'assist di Vicchiarello, si libera con una finta e trafigge l'incolpevole Marcutti con un delizioso pallonetto. FOTO LIBORIO

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Le rosanero si arrendono al Fiammamonza ma a fine gara possono festeggiare comunque Riozzese, la salvezza dagli altri campi Le sconfitte di Trento e Firenze danno la certezza matematica Riozzo. Mai sconfitta fu più indolore per la Riozzese, che nonostante lo 0-2 patito con il Fiammamonza davanti alle telecamere della Rai (la partita sarà trasmessa questo pomeriggio alle ore 16.30 su Raisport Sat) può esultare perché la salvezza è matematicamente raggiunta. Trento e Firenze si sono infatti arrese rispettivamente a Reggiana e Atalanta e quindi il vantaggio di 7 e 9 punti a due giornate dalla fine resta incolmabile.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
TRENTO KO E SCAVALCATO DAL CHIASIELLIS Non poteva andare peggio al Trento Immobiliare Dolomiti, sconfitto dalla Reggiana e scavalcato in classifica dal Chiasiellis. Il successo esterno sul campo del Torino della formazione friulana condanna nuovamente la squadra di Roberto Genta in zona retrocessione a due lunghezze di distanza dalla salvezza. Un finale di stagione dunque pieno di colpi di scena con il Trento ripiombato nelle zone pericolose della classifica dopo i due ko consecutivi rimediati contro Atalanta e Reggiana. Ora, nelle rimanenti due partite di campionato, le aquilotte dovranno cercare di raccogliere il maggior numero possibile di punti (gli avversari saranno Milan e Tavagnacco) ma dovranno anche sperare in almeno un passo falso del Chiasiellis. Nel match contro la Reggiana parte bene la formazione ospite, vicina al vantaggio al 6' con Adegoke (nella foto) .

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Raggiunto la scorsa settimana l'obiettivo della salvezza la Reggiana Munarini si era posta il traguardo, per le tre ultime gare di campionato, di ottenere i nove punti. I primi tre sono stati conquistati nella gara di ieri contro il Trento. Finisce 3-0 allo stadio comunale di Correggio. Una gara vitale per la squadra trentina invischiata nella lotta per la salvezza. Ma la squadra di Mister Genta non è riuscita ad impensierire una Reggiana Munarini oggi entrata in campo ben determinata a fare risultato. Gara giocata a non grandi ritmi ma dove la squadra emiliana ha trovato migliori equilibri rispetto alla precedente trasferta in Sardegna. Il primo tempo si chiude 1-0 con il gol di Laura Neboli. Ad inizio ripresa la squadra di Mister Bertolini chiude subito l'incontro con il bomber Sabatino che insacca in rete dopo una percussione in area di Baldi. Sul doppio vantaggio il Trento si butta in avanti per cercare di accorciare le distanze e riaprire l'incontro. Ma la Reggiana Munarini ben controlla riuscendo poi anche in contropiede a fissare con Veronica Brutti il risultato sul 3-0 finale. Qualche sporadica azione da entrambe le parti porta la gara al termine consentendo alle granata di portare la classifica a 27 punti. Sabato penultima di campionato in trasferta a Firenze.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
- Successo e salvezza raggiunta con anticipo. L’Atalanta supera perentoriamente un Gioiello Firenze presentatosi a Bergamo in formazione rimaneggiata. La vittoria delle orobiche non ammette alcun tipo di replica, nella circostanza il divario in campo si è notato ampiamente nonostante le viole ci mettessero tutto l’impegno di questo mondo col chiaro intento di conquistare qualcosa di prezioso in chiave salvezza. (le viola adesso sono fanalino di coda) All’Atalanta è risultato sufficiente scendere in campo con tre giocatrici insostituibili: Mangili, Ramera e Ceroni. Alle stesse si aggiunge una Riboldi autrice di una tripletta indimenticabile. La supremazia nerazzurra è evidente, il Gioiello Firenze fatica parecchio a presentarsi davanti alla linea difensiva composta dal quartetto Zizioli, Ceroni, Rota, Fagiolini. Il centrocampo sorretto da super Ramera mette in condizioni i folletti Mangili e Riboldi, le quali negli spazi diventano imprendibili senza dimenticare le qualità tecniche in loro possesso. Il calcio piazzato a fil di palo di Naila Ramera è il preludio al vantaggio. Una deludente Bonometti filtra centralmente un pallone dove “turbo” Mangili si inserisce in velocità superando l’intera difesa, compreso Frediani in uscita, insaccando il vantaggio.

Pagina 2 di 20

Category

Author

No Results Found

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!