Giovedì, 14 Novembre 2019
appstore googleplay
windows store
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Serie A

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Con un gol per tempo la Graphistudio piega il Fiammamonza A segno Turra e Stabile La Graphistudio conquista i tre punti forse più sofferti della stagione davanti ad un Fiammamonza sempre in partita e aggressivo fin dai primi minuti di gara. Vittoria importante per le friulane che si dimostrano squadra di rango, capace di soffrire ma anche di colpire al momento giusto. Avvio di gara favorevole alle lombarde che vanno al tiro dopo una manciata di secondi con Paliotti che per poco non inquadra lo specchio della porta. Le gialloblu rispondono con Camporese che ci prova dalla lunga distanza in due occasioni: al secondo tentativo tocca a Marchitelli disinnescare la conclusione del centrocampista gialloblu. Monzesi pericolose sull’asse Paliotti-Franchin con quest’ultima che mette fuori da buona posizione. Il Fiamma è aggressivo ed attua un pressing molto alto che soffoca le iniziative delle friulane. Le ragazze di casa non riescono ad alzare il baricentro del gioco e cos’ì facendo favoriscono quello delle lombarde che si rendono pericolose al 21’: tocca a Bissoli stoppare la conclusione a botta sicura di Franchin appostata a centro area. La partita sale di tono e le squadre lottano prevalentemente a centrocampo.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Il Bardolino si conferma fuori portata per le rosanero, che perdono anche Valeri e Lanzani Il centravanti della Nazionale segna quattro gol nella nebbia Non c'è stato nulla da fare per la Riozzese contro lo strapotere del Bardolino e in particolare di Patrizia Panico, autrice di 4 reti, che la confermano capocannoniere del campionato con 17 gol all'attivo. Nemmeno una fitta nebbia ha impedito alle campionesse d'Italia di mostrare tutto il proprio potenziale soprattutto offensivo, mentre ha reso particolarmente difficoltose le riprese televisive della Rai, che stasera alle 19 trasmetterà l'incontro sul canale satellitare 227 di RaiSportSat.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
GIOIELLO FIRENZE, PUNTO D’ORO IN RIMONTA A San Marcellino nella prima giornata di ritorno del massimo campionato il Gioiello Firenze strappa con i denti un pareggio alle più quotate avversarie del Tavagnacco, seste in classifica. La prima gara del girone di ritorno finisce 1-1 e per le viola è un punto prezioso nella lunga corsa alla salvezza. Ora la zona di salvezza virtuale è distante solo due punti. Le friulane erano passate in vantaggio già al 2’ minuto di gioco del primo tempo, su rigore, decretato dall’arbitro Pavone di Forlì per un fallo di Guagni su Ilaria Mauro, appena entrata in area dal settore di destra. Le viola hanno dovuto attendere per il pareggio fino al 26’ del secondo tempo, direttamente su calcio d’angolo battuto a rientrare da Colzi col portiere Marcutti che toccava di pugno ma la palla finiva in rete alle sue spalle. Le gigliate hanno giocato in dieci dal 33’ del secondo tempo per l’espulsione (rosso diretto) di Cristina Ugolini per fallo di reazione. Le viola hanno mancato anche il gol del possibile 2-1 con Francesca Baglieri, lanciata in area da capitan Patu (al rientro dopo l’infortunio), ma l’attaccante spediva alto.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
In una partita dove si meritava come minimo il pareggio, la Reggiana torna da Monza senza neanche un punto Finisce 1-0 per le brianzole che a livello di gioco hanno fatto vedere ben poco rispetto alle ragazze di Mister Bertolini. Alle avversarie va pero' riconosciuta la concretezza: poco azioni, gioco in contropiede, un palo ed un gol. La Reggiana gioca bene, costruisce azioni di pregevole fattura ma manca in fase di rifinitura e conclusione. Il Monza passa in vantaggio poco prima della fine del primo tempo e riesce poi, a denti stretti, a mantenere il vantaggio fino al termine. Si riparte quindi come ad inizio stagione con una sconfitta, ma se questo significa fare un girone come quello di andata prendiamola bene...anche perche' le ragazze hanno dimostrato di esserci, e con un po' piu' di determinazione e concrettezza soddisfazioni risultati si possono ottenere...a partire da Sabato, al Mirabello, contro l'Atalanta.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Tutto molto facile per il Torino nella prima giornata di ritorno del campionato, che con un risultato tennistico tiene il passo delle prime della classe sul campo dell’Atalanta Raggiungere i 3 punti per le granata era fondamentale per non perdere il treno che porterà all’Italy Women’s Cup, in programma proprio in Piemonte. Ma per fare calcoli è ancora presto e le ragazze di Padovan lo sanno. Pur scendendo in campo con una formazione rimaneggiata a causa dell’infortunio di Marta Carissimi e della squalifica di Cristina Cassanelli, le granata controllano tranquillamente la partita rischiando pochissimo, con solo due incursioni dalle fasce fino al primo vantaggio firmato Sodini: lancio di Bruno sul filo del fuorigioco, maldestramente più volte tentato e altrettante fallito dalle ragazze di Zonca, Sodini scatta, brucia le avversarie e con un sinistro morbido batte Filippi. E’ il 25’ e in un quarto d’ora il Toro chiude la pratica. Al 28’ è Bruno a tornare al gol in campionato con un destro potentissimo, replicato al 30’ su traversone perfetto di Pasqui che riesce a smarcarla in mezzo all’area per un doppio tocco delizioso.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
La Torres espugna il Briamasco, Inizia male il 2008 del Trento Dolomiti Si apre con una sconfitta il 2008 del Trento Immobiliare Dolomiti, superato al Briamasco dalla vice capolista Sassari Torres nella prima giornata di ritorno del campionato di serie A femminile. Netto tre a zero finale in favore della squadra sarda, trascinata al successo dalla splendida prova di Silvia Fuselli, autrice di una doppietta. Per le aquilotte un ko preventivabile alla vigilia e giunto nonostante il positivo esordio in mezzo al campo di Katia Serra. Qualche novità nello schieramento iniziale trentino, dovuto all’assenza dell’infortunata D’Agostino (stiramento al collaterale del ginocchio): Parisi (migliore in campo delle trentine) arretra al centro della difesa insieme a Marchesi con Rigatti a centrocampo e la coppia Meneghelli-Adegoke in avanti. Parte male il Trento Dolomiti che dopo appena trenta secondi di gioco rischia grosso: errore di Marchesi, Fuselli ne approfitta e lascia partire un gran tiro che si stampa sulla traversa con Cretti battuta.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Il Trento Immobiliare Dolomiti ospita la Sassari Torres In campo il nuovo acquisto Katia Serra Riparte domani pomeriggio il campionato di serie A femminile con il Trento Dolomiti impegnato in casa (fischio d’inizio alle 14 al Briamasco) con la vice capolista Sassari Torres. Non ci sarà Arianna D’Agostino, infortunatasi sabato in Coppa Italia, sarà invece della partita il neo acquisto aquilotto, Katia Serra, esperta centrocampista con un curriculum e un palmares che parlano da soli: 20 presenze in Nazionale, 269 presenze e 54 reti in serie A, 151 presenze e 57 gol in serie B, uno scudetto, tre Coppe Italia, una Supercoppa Italiana ed una Coppa Uefa. Una giocatrice duttile ed esperta (è anche rappresentante delle calciatrici, ndr)che giovedì ha svolto il primo allenamento agli ordini di Roberto Genta. «Ho scelto Trento perchè rappresenta una sfida avvincente. In carriera ho lottato spesso per le posizioni di vertice, qui lotterò per un altro obiettivo, la salvezza, altrettanto importante. Sono giunta in una società che ha grandi motivazioni e stimoli di classifica, credo nella salvezza e farò di tutto per dare il mio contributo alla causa del Trento». (continua..)

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Incredibilmente tutto vero. Il Torino incorna un’Atalanta per lunghi tratti inguardabile. Alle granata guidate dal giornalista Giancarlo Padovan (Tuttosport) bastano 20’ per stendere senza eccessive difficoltà una squadra che ironia della sorte si presentava al completo. La compagine di casa ha parecchio sofferto le accelerazioni granata, perché ogni qualvolta il Toro azionava una marcia superiore metteva a sedere una retroguardia troppo lenta e macchinosa per tenere a bada le ottime Gueli, Pasqui e Sodini. Sin dalle prime battute sono emerse le difficoltà nerazzurre; un doppio intervento di Carlotta Filippi salvava una squadra che rischiava ancora quando Sodini alzava da posizione ottimale. Le ragazze di mister Zonca rispondono con l’unico tentativo degno di tal nome: Scarpellini serve al centro dove Riboldi giunge in lieve ritardo alla deviazione davanti all’estremo Rita Caravilla. Cambio di fronte e inizio delle, velenose, incornate. Sodini partita in fuorigioco fulmina Filippi sul palo opposto. 0-1. Maura Bruno raddoppia con una precisa esecuzione e, palla al centro, le granata servono il tris per merito della stessa Maura Bruna, la quale lasciata completamente sola in area concretizza l’invito di Ilaria Pasqui. La fortissima Pasqui segna la quarta rete, Sodini in solitudine timbra la cinquina dinanzi a un pubblico incredulo. L’Atalanta non c’è, il Toro sembra una squadra di fenomeni.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
La Graphistudio spreca troppo. Firenze ringrazia e agguanta il pari Non è bastato un gran primo tempo alla Graphistudio per portare a casa la vittoria: al rigore lampo di Brumana risponde una sfortunata autorete di Cristina Marcutti che devia il pallone nella propria porta e regala il pari al Firenze. Le gialloblu di mister Bearzi partono alla grande e al terzo minuto sono già in vantaggio. Mauro sorprende la difesa avversaria che non può far altro che fermarla con le cattive in piena area di rigore: Pavone assegna il penalty che Brumana trasforma per il vantaggio ospite. Il Tavagnaccco spinge sull’acceleratore e cinge d’assedio le toscane. La superiorità delle friulane appare evidente, ma la squadra gialloblu non riesce a concretizzare la gran mole di lavoro del centrocampo e le occasioni migliori si perdono sulla trequarti senza creare grossi problemi a Leoni. La partita è saldamente nelle mani del Tavagnaccco e il Firenze riesce ad uscire dal guscio solo nel finale, quando le gialloblu accusano un po’ di stanchezza. Il primo tempo si conclude con il Tavagnacco meritatamente il vantaggio. Casazza prova a cambiare qualcosa e, in avvio di secondo tempo, mette dentro Nencioni per Barreca nel tentativo di riequilibrare la gara. Le gigliate vanno vicine al gol già al 3’, quando Marcutti si fa trovare pronta sulla conclusione insidiosa di Colzi. Un minuto dopo il match-ball capita sui piedi di Stabile che calcia alto dopo un velo di Brumana su cross dalla destra di Mauro.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
VINCI-GOL E LA FIAMMA SPEGNE LA REGGIANA È grazie ad un gol di Veronica Vinci, attaccante classe 1989, che la Fiammamonza conquista i tre punti nella sfida casalinga contro la Reggiana. Una vittoria importantissima quella conquistata dalla formazione di mister Grilli, oggi in tribuna per scontare la squalifica dopo l’espulsione contro l’Atalanta, ottenuta al Sada contro una Reggiana tonica e ben messa in campo. La Fiamma, tornata al più classico 4-4-2, poi è scesa in campo senza due pedine fondamentali: Stracchi, fuori per due turni per l’espulsione rimediata contro le bergamasche, e Ricco che ne recupero infrasettimanale del turno di Coppa Italia ha riportato una distorsione alla caviglia con stiramento dei legamenti che la terrà fuori dal campo di gioco per un mese. Nonostante tutto però le biancorosse sono scese in campo grintose e sin dal primo minuto hanno impensierito Vincenzi, costretta all’uscita di piedi per anticipare la velocissima Paliotti. La Reggiana però ha prontamente risposto al 6’ con un tiro di Brutti che si è spento alto. La partita si gioca colpo su colpo e all’8’ è il turno della Fiamma: Greco parte in contropiede, serve Paliotti che lanciata in velocità verso la porta avversaria riesce a calciare solo in modo debole e non impensierisce VIncenzi. Al 21’ si vede per la prima volta Vinci sulla sinistra, dopo che la Fiamma nei primi minuti aveva spinto soprattutto per vie centrali. La giovane attaccante biancorossa, oggi schierata esterna di centrocampo, servita da Paliotti lascia partire un rasoterra ad incrociare che colpisce il palo opposto, la sfera però anziché uscire attraversa tutta la porta granata per poi finire tra i piedi di Neboli che rinvia. Fiamma così vicinissima al vantaggio.

Pagina 9 di 20

Category

Author

No Results Found

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!