Mercoledì, 17 Luglio 2019
appstore googleplay
windows store
bari chievoverona40 fiorentina florentia50 juve milan40 mozzanica orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Serie A 2010-2011

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
reggiana_8028_thumb_medium250_157Reggiana che esce sconfitta da Firenze dopo una gara molto dura e spigolosa contro un avversario che ha lottato con accanimento su ogni pallone e Reggiana che dopo aver condotto il gioco per la prima frazione si è fatta travolgere dall'agonismo delle avversarie che alla distanza hanno legittimato la vittoria. C'è da dire che all'inizio del secondo tempo la partita si mette bene per le granata che vanno in vantaggio su rigore per fallo su Mason che sarà costretta ad abbandonare il campo.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
sudtirol50_thumb_medium250_162Nulla da fare per il CFS nell'importante sfida salvezza contro la Lazio. Dopo un ottimo primo tempo, chiuso in vantaggio di una rete grazie al sigillo di Deborah Salvatori Rinaldi, le biancorosse di mister Alberti hanno subito nella ripresa il ritorno delle capitoline: le biancocelesti hanno infilato per tre volte nel giro di dieci minuti la porta di Katja Schroffenegger ed hanno finito per imporsi 3-1, dando un duro colpo alle speranze di permanenza in serie A delle altoatesine. Anche in base agli altri risultati di giornata infatti, il CFS scivola a -5 dalla zona salvezza e, a sei giornate dal termine del campionato, dovrà ora realizzare una grande impresa per riuscire a mantenere un posto nella massima divisione nazionale.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
orlandia20102011_thumb_medium250_156La rete di Antonella Morra nei minuti finali di gara contro il Chiasellis permette all'Orlandia'97 Randazzo Energy Team di evitare quella che si paventava come l'ennesima sconfitta immeritata. Il pareggio è senz'altro il risultato più giusto per valori espressi e soprattutto in considerazione dell' alterna fortuna dei due rigori assegnati, calciati da Vicchiarello per le ospiti e nella ripresa da Piera Manzella per l'Orlandia'97. Due episodi che sembravano condannare la squadra di Leo Tonarelli, sino a quando Antonella Morra con un colpo di testa ravvicinato è riuscita a mettere giustizia sul risultato finale.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
2010boni_thumb_medium250_166La 20^ giornata del campionato di Serie A femminile vedrà il Brescia impegnato nella difficile trasferta di Roma. Le capitoline nel girone di ritorno hanno subito una sola sconfitta contro il Tavagnacco, tuttavia i tanti pareggi, ne stanno condizionando la classifica, che di sicuro non rispecchia le premesse di inizio campionato. Mister Serafini per la gara di sabato dovrà fare a meno di Tuttino ancora fuori per infortunio, mentre avrà a disposizione dopo circa due mesi Pamela Gueli, rientrata già sabato scorso nel match contro il Torino. Di contro in casa Brescia rimane in dubbio la presenza di Roberta D'Adda ancora alle prese con l'infortunio al flessore della gamba destra. Tornerà titolare invece Viviana Schiavi dopo la giornata di squalifica.
20^ Giornata di Serie A Femminile_Roma-Brescia_sabato 2 Aprile ore 15,00 – Stadio Pro Roma  Via Verrio Flacco n.41, Roma (RM)

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
sudtirol50_thumb_medium250_162Proprio contro le biancocelesti l'ultimo successo in campionato. Il presidente Dalla Torre chiama a raccolta i tifosi: "Vinciamo insieme!". Diverse le iniziative in favore dei supporter biancorossi.
Tempo di scontro salvezza al Righi di Bolzano, dove questo sabato alle ore 15 il CFS affronta la Lazio nel 20° turno del campionato di serie A femminile. Un appuntamento importante per la formazione del tecnico Antonio Alberti, opposta ad un avversario che la precede di sei punti in classifica e che, in caso di sconfitta, si ritroverebbe nuovamente invischiato nella lotta per la salvezza.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
firenze20102011_thumb_other150_88Sconfitta in casa della capolista Torres per il Primadonna Firenze. Con il risultato di quattro a uno le sarde firmano il 18esimo successo in campionato, consolidando sempre più la vetta della classifica.  Nonostante la sconfitta però il Firenze è stato protagonista di una prova positiva, riuscendo in alcuni tratti a mettere in difficoltà la corazzata sarda campionessa d'Italia. Torres in vantaggio dopo sette minuti con Domenichetti, il pareggio viola arriva con una bellissima azione di contropiede di Guagni. Sarde nuovamente in vantaggio con Motta con una bordata da fuori area, il tre a uno porta la firma di Panico prima del riposo.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

Bardolino-Venezia_005Verona - Il derby veneto tra Bardolino Verona e Venezia termina con la vittoria di Gabbiadini e compagne, maturata al termine di una gara ricca di episodi da goal, dove le padrone di casa hanno meritato di portare a casa i tre punti, anche se alle lagunari va il merito di aver tenuti aperti i giochi sino alla fine. Marchesini, in panchina al posto dello squalificato Longega, deve rinunciare al tridente per l'assenza di Dayane Da Rocha, impegnata con la nazionale verdeoro. Comin deve invece fare a meno della squalificata Tombola. In campo, una da una parte ed una dall'altra, le sorelle Mascanzoni, Deborah con la casacca del Venezia e Daiana con quella del Bardolino.

Partono bene le lagunari con Capovilla al 3', abile a sfruttare l'assist di Deborah Mascanzoni e a calciare di prima intenzione da buona posizione, ma Ohrstrom fa buona guardia. Risponde Girelli al 7' impegnando Penzo con una bella conclusione. Al 14' primo calcio d'angolo dell'incontro, per il Bardolino Verona. Va a calciare Ledri che scambia con Gabbiadini e rimette in mezzo. Si avventa sulla sfera in spaccata Girelli che anticipa Penzo e mette in rete per il vantaggio scaligero. Al 19' le padrone di casa costruiscono un'ottima azione corale: Girelli manda in profondità Toselli che da destra tocca per Ledri che non si coordina e spara alle stelle. Al 25' sull'altro fronte è la solita Capovilla a cercare la porta con una bella conclusione sul secondo palo, dove si allunga e blocca Ohrstrom. Non mancano le iniziative su entrambi i fronti e in più di un'occasione i due portieri sono chiamati all'intervento. Potrebbe raddoppiare il Bardolino al 39': Gabbiadini manda un invito a nozze per Toselli, smarcatasi sulla destra, la quale entrata in area spreca con un rasoterra a metà tra il tiro e il servizio per De Stefano, con palla che termina a fondo campo. Tre minuti più tardi Gabbiadini dal limite manda alto di un soffio. Al 45' De Stefano da sinistra crossa per Gabbiadini appostata all'altezza del vertice sinistro dell'area di porta. La bomber gialloblù spizzica, ma non riesce a deviare verso lo specchio. Sul protrarsi dell'azione la difesa lagunare pasticcia a causa del pressing di Toselli e il direttore di gara interrompe il gioco fischiando una punizione a due in area, valutando intenzionale il retropassaggio sul quale interviene con le mani Penzo. Con palla sul limite dell'area piccola e uno scudo umano sulla riga porta, va Girelli a toccare per Gabbiadini che con un potente rasoterra mette in rete la sfera del raddoppio per le gardesane. Il discusso episodio fa infuriare Mister Comin che viene allontanata dal direttore di gara.

Battocchio_e_GelmettiAl rientro dagli spogliatoi, le padrone di casa potrebbero chiudere la gara al 48' con un bel tiro di Visconti sul quale Penzo si salva deviando con l'aiuto della traversa. Sugli sviluppi del corner la palla giunge a Stefanelli che da sinistra serve Girellli. Il tiro a giro sul secondo palo dell'attaccante gialloblù si spegne sul fondo e sarà il primo di una lunga serie di occasioni non sfruttate dalle giocatrici in campo. Al 54' Bortot pareggia il conto dei legni con una bordata dal limite che va a stamparsi sulla traversa, raccoglie Lotto che calcia centrale tra le braccia di Ohrstrom. L'estremo difensore svedese è chiamato agli straordinari tre minuti dopo, quando Capovilla dal limite calcia forte sul secondo palo, dove Ohrstrom vola a deviare in corner. Dopo alcune buone trame non sfruttate da Girelli e Gabbiadini, il Venezia si fa vivo ancora in area scaligera con la mobilissima Bortot che ben pescata all'interno dei sedici metri tenta il pallonetto su Ohrstrom, ma la sfera termina oltre lo specchio. Marchesini mette in campo la giovanissima Battocchio e l'attacco veronese acquisisce ancora più verve. Al 68' la neo entrata trova sulla sinistra Gabbiadini con un perfetto lancio, bomber Meli entra in area e a tu per tu con Penzo si fa ipnotizzare dal portiere lagunare che respinge la non irresistibile conclusione del capitano gialloblù. Due minuti più tardi si ripete l'azione precedente, ma stavolta Gabbiadini cerca l'assist per Toselli, ma blocca ancora la n. 1 ospite. Al 71' il Venezia ha una ghiotta occasione con Lotto che riesce ad aggirare Ohrstrom, ma si allarga troppo sul fondo e non riesce a concludere a rete con la porta vuota. Al 76' Battocchio serve Toselli che si fa deviare ancora in angolo la botta centrale da Penzo. Al 78' sul fronte opposto Bortot crossa in area per Capovilla che di testa non riesce ad indirizzare da buona posizione verso la porta scaligera. All'84' Ledri fa tutto da sola partendo di gran carriera dalla propria metà campo, superando la difesa avversaria, ma sul più bello non riesce a dar forza alla conclusione che non impensierisce Penzo. Continua il forcing gardesano che però non viene finalizzato dalle attaccanti gialloblù e come insegna la dura legge del goal, ad approfittare della generosità veronese sono le lagunari che riaprono la gara allo scadere, con la perfetta punizione calciata sotto l'incrocio dei pali da Capovilla. Non passa un minuto però che le padrone di casa ristabiliscono le distanze con Sara Visconti, che manda sotto l'incrocio un tiro dal limite, deviato da un difensore. E' Girelli in spaccata a calciare a lato l'ultima opportunità per le padrone di casa, dopodichè il signor Amabile di Vicenza, cessa le ostilità. Una vittoria ampiamente meritata per il Bardolino Verona che va comunque rimproverato per le troppe occasioni non sfruttate, come avrà modo di dire lo stesso Marchesini al termine della gara.

Gioia_goal_CriBARDOLINO VR- VENEZIA- 3-1

Reti: Girelli (B) al 14', Gabbiadini (B) al 45'; Capovilla (V) all'89' e Visconti (B) al 90'.

BARDOLINO: 1 OHRSTROM, 2 DA. MASCANZONI (dal 69' CANTORO), 3 LEDRI, 4 DI CRISCIO, 5 STEFANELLI, 6 CASSANELLI, 7 TOSELLI (dall'81' BELFANTI), 8 GABBIADINI, 9 VISCONTI, 10 GIRELLI, 11 DE STEFANO (dal 56' BATTOCCHIO). All. Marchesini, a disposizione: 12 Gava, 13 Cantoro, 14 Belfanti, 15 Battocchio, 16 Usvardi, 17 Gelmetti.

VENEZIA: 1 PENZO, 2 GALVAN, 3 SQUIZZATO, 4 LOTTO, 5 TURRA, 6 STEFANELLO (dal 76' MORA), 7 DE. MASCANZONI, 8 CAPOVILLA, 9 CHINELLO (dall'89' BARZAN), 10 VIVIRITO, 11 BORTOT. All. Comin, a disposizione: 12 Rizzo, 13 Viezzer, 14 Mora, 15 Bortolato, 16 Barzan.

Arbitro: Amabile Daniele di Vicenza, assistenti: Nafea e Righetti.

Espulsa: Comin, allenatore del Venezia, per proteste.

Note: Giornata di sole con temperatura piacevole, presenti circa 300 spettatori. Angoli: 6-4. Migliori in campo: Ledri (BV) e Bortot (VE).

 

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
orlandia20102011_thumb_other250_156Davanti alla seconda forza del campionato, l'Orlandia'97 regge l'urto avversario con onore pur uscendone sconfitta per 3 – 0. Il risultato rispecchia l'attuale differenza tra il Tavagnacco e la squadra di Leo Tonarelli che deve rimandare a sabato prossimo contro il Chiasellis la corsa per la conquista della salvezza. Il gol di Riboldi nei primi minuti di gioco ha messo la gara subito in salita per l'Orlandia'97, che ha dimostrato comunque di poter reggere il confronto alla pari, specie nella prima frazione, per cedere nella ripresa ad un Tavagnacco, per altro rinforzato dal rientro della super bomber Brumana, assente per infortunio da oltre sei mesi.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
bard-ve-013Tornano alla vittoria le ragazze del Bardolino Verona che nella sesta giornata di ritorno del massimo campionato si impongono sul Venezia per tre reti ad una al termine di un match ricco di occasioni da gol ed episodi.
Le veronesi si presentano prive dell'italo-brasiliana Da Rocha impegnata con la Nazionale verde-oro e dell'infortunata Faelt. Fuori nel Venezia la squalificata Tombola. Sulla panchina gialloblù siede Marchesini in sostituzione dello squalificato Longega costretto ad assistere al match dalla tribuna.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

sabatino-dopo-1a0Sole e vento accolgono Brescia e Sud Tirol al Rigamonti di Buffalora. Grilli, alle prese con l'emergenza difensiva, inserisce Previtali e al posto di D'Adda e sposta Paliotti sulla linea arretrata. Cambiano le interpreti ma il risultato resta uguale: pronti via e il Brescia passa. Al 1' calcio d'angolo per le padroni di casa, la parabola di Ferrandi arriva sui piedi di Sabatino che di tacco poggia in rete. Dopo pochi secondi il Sud Tirol è già alle corde. Le altoatesine faticano a reagire e al 9' rischiano di capitolare, ma il "solito" sinistro di Ferrandi si stampa sulla traversa.

Pagina 8 di 34

Category

Author

No Results Found

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan di proprietà di Pettinati Editore.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!