Lunedì, 16 Settembre 2019
appstore googleplay
windows store
bari chievoverona40 fiorentina florentia50 juve milan40 mozzanica orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Sarzanese - Luserna

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


SARZANESE – LUSERNA 0-6 Daniele Simona

Oggi iniziamo con una notizia. Perdurando l'indisponibilità del portiere Chiara Serafino, la società valligiana, pur confermando piena fiducia in Campanino e Giovannini, ha tesserato la veterana di mille partite Rita Caravilla. Sempre indisponibili Maura Bruno, Federica Di Nuzzo e Federica Ventrice, tutte alle prese con problemi ai legamenti crociati, il tecnico Zorri manda la giovanissima e promettente Ippolito con la squadra primavera (brillantemente vittoriosa a Cuneo per 2-1) e porta con se in Liguria le altre 19 componenti la rosa. Per la quinta volta il tecnico cambia formazione e la posizione ad alcune giocatrici ma la compagine non ne risente a dimostrazione di un gruppo coeso, formato da elementi polivalenti che anche cambiando posizione non fanno perdere efficacia alla squadra. Dopo 3 minuti la prima svolta della gara. La giovane squadra ligure (che applica quasi sistematicamente il fuorigioco) si fa sorprendere da uno scatto della Spanu che infila il portiere. Provano a reagire le padrone di casa, ma aprono degli spazi alle loro spalle. Dopo altre due occasioni non sfruttate al 14' arriva il raddoppio. La Sosso da sinistra taglia il campo in diagonale per eludere la tattica del fuorigioco. Dalla parte opposta la Trivè, partita in posizione regolare, pur contrastata da un'avversaria, dal fondo lascia partire un traversone, sul pallone è scritto "basta spingere". A centro area la Spanu tutta sola, non si fa pregare ad accogliere l'invito e mette in fondo al sacco. Gara chiusa? Assolutamente no, primo perchè nel calcio femminile le gare raramente sono chiuse, secondo perchè mancano ancora 75 minuti al termine. A questo punto le padrone di casa reagiscono. Si mettono in evidenza Iacopini, Garramone e Di Lupo. I loro tre tentativi nel giro di otto minuti sono insidiosi, ma si spengono fuori dalla porta avversaria e non sortiscono i risultati sperati. Come sempre nel calcio quando sbagli vieni punito: al 34' su lancio della Gueli la D'Ancona scatta in posizione dubbia (molto più di una precedente in cui era stata fermata dall'assistente) scarta il portiere in uscita e accompagna il pallone in rete. Su una conclusione della Iacopini deviata in angolo, si chiude il primo tempo.

Ad inizio ripresa su una incertezza (forse la prima dall'inizio della stagine) della Campanino, la Del Giudice ha l'occasione per accorciare le distanze ma non ne approfitta. Seguono dei minuti in cui la difesa ospite sembra avere delle amnesie, cosa che porta il tecnico biancazzurro ad invertire la posizione di Daniele e Bosi. Al 16' la D'Ancona va alla conclusione, il portiere riesce a mettere una prima pezza deviando, ma sul pallone che si impenna la più lesta è la Spanu che con un tap in di testa porta a 4 le segnature della squadra, completando la tripletta personale. A questo punto le locali con le poche energie (più mentali che fisiche) abbozzano un'ultima reazione alla ricerca del gol della bandiera con le ospiti che le attendono nella loro metà campo pronte a colpire. Infatti al 33' Alessia D'Ancona in forma strabiliante, in pressing ruba palla a metà campo e come in occasione del terzo gol elude l'intervento del portiere e deposita nella porta vuota. A due minuti dal termine Serena Curcio raccoglie una respinta della difesa a 30 metri dalla porta e, scorto il portiere in posizione avanzata, lo beffa con un preciso pallonetto. Per le valligiane altri 3 punti sulla strada per la salvezza, che rimane l’obiettivo primario nella stagione. Ricordiamo, infatti, che l'avventura nel settore femminile della società ha avuto inizio solo nell'estate del 2010.

Domenica allo Stadio Comunale di Luserna, con inizio alle 14,30, ennesima sfida con la Juventus, che vede le bianconere del capoluogo in vantaggio , avendo vinto il campionato regionale lo scorso anno ed eliminato le ragazze della Val Pellice sia dalla coppa regionale, sempre li scorso anno, che dalla coppa nazionale in questa edizione.



SARZANESE: Mengheri, Ghisolfi, Iacopini(dal 24 st Bernardi), Sacco(dal 1 st Suardi), Gori, Battolla, Garramone, Alberti, Di Lupo(dal 16 st Costantini), Pascotto, Del Giudice. All. Di Memmo 12 Iemma 16 De Paola

LUSERNA: Campanino, Mazzuchetti, Bosi; Curcio, Daniele, Bianco, D'Ancona, Gueli (dal 1 st Massarelli), Trivè (dal 37 st Villa), Spanu, Sosso (dal 1 st Minniti) All. Zorri. 12 Giovannini, 13 Toscano, 15 Carofalo, 18 Rubino

ARBITRO.: Ricci di Firenze ASSISTENTI: Ugoletti e Gioviale di La Spezia

RETI: Spanu al 3' 14' pt e 16' st; D'Ancona al 34' pt e 33' st; Curcio al 38 st

AMMONITA: Daniele (L) al 36' pt

Alberto Cerutti

Nella fotografia: Simona Daniele

Enrico Manassero
Author: Enrico ManasseroEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

No Results Found

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan di proprietà di Pettinati Editore.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!