Giovedì, 12 Dicembre 2019
appstore googleplay
windows store
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

ROMAGNANO – FIAMMAMONZA 0-2

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


daniela graziotto thumb_medium380_0

"Quando il calendario ti regala nelle prime partite scontri contro squadre attrezzate ed ambiziose la cosa può apparire come un brutto scherzo del destino, in realtà, per dare il massimo contro le squadra alla tua portata, devi prima vedertela con chi è più forte di te. In questo senso sono convinto che il nostro inizio di campionato sia stato una bella palestra per i prossimi mesi".

Le parole di Fabio Morganti al termine della gara persa dal Romagnano contro il Fiammamonza per 2-0 sono abbastanza indicative su quanto alta sia la volontà delle granata di togliersi al più presto dalla zona calda della classifica. La sesta giornata proponeva il ritorno delle sesiane sul sintetico di via Monte Bianco dopo oltre un mese, dalla gara persa sfortunatamente con l'Atalanta per 2-1. Le brianzole si sono dimostrate squadra quadrata, pronta per ambire alla massima serie e con alcune individualità di spicco.



Quando è così a volte non basta fare del proprio meglio, infatti sono poche le recriminazioni per il Romagnano al termine della gara persa con le ragazze di Cincotta. Il risultato finale non è in discussione, ma la sensazione è che il torneo di Marabelli e socie possa iniziare ufficialmente domenica prossima, quando il team di Fabio Morganti sarà di scena sul terreno del Tradate.

Privo di Piana, fermata in Sardegna da una distorsione al ginocchio, il Romagnano ha cercato di tamponare il più possibile la forza d'urto delle avversarie; a parte un paio di errori grossolani, l'unico neo deriva dalla mancanza di un pizzico di cattiveria agonistica in più.

Anche con il Fiammanzonza, Morganti rimane fedele al 4-2-3-1: davanti a Marabelli, il collaudato quartetto con Buccella, De Nicolò, Giannetti e Soncin, Zaretti e Bevilacqua in mediana, Soragni, Zignone e Graziotto alle spalle di Medina.

Il primo tempo non offre molti spunti; si nota la qualità delle giocatrici ospiti, tuttavia la prima occasione è per le padrone di casa: è il 17' quando, su un corner di Graziotto, la palla ballonzola nell'area piccola dopo un'errata uscita di Vignati, con nessuna sesiana pronta a capitalizzare. Al 27' si sblocca la partita: Gaburro, lanciata in profondità da una compagna, taglia dal centro verso sinistra con un bel movimento e batte Marabelli protesa in uscita con notevole freddezza.

La ripresa si apre di fatto con il raddoppio lombardo: al 60' Gaburro si impegna in pressione su tre giocatrici del Romagnano, vince il rimpallo e supera per la seconda volta Marabelli. L'abnegazione delle granata non passa inosservata, tuttavia solo all'82' le locali collezionano la prima vera occasione della ripresa: Graziotto si invola verso la porta, ma calcia addosso a Vignati e sulla ribattuta è il palo a negarle la gioia del gol e con essa un finale di partita tutto da decifrare.

Il 2-0 finale non cambia la sostanza del campionato del Romagnano che nei prossimi impegni con Tradate e Anima e Coropo Orobica è chiamato a invertire il trend della propria stagione.

Romagnano: Marabelli, Buccella, Giannetti, Soragni, De Nicolò, Soncin, Zignone (72' Tedesco), Zaretti (57' Mazzei), Medina (76' Pella), Bevilacqua, Graziotto. All.: Morganti.

Fiammamonza: Vignati, Tchetchova, Galbiati, Missaglia (73' Postiglione), Straniero, Zambetti, Brambilla, Re, Gaburro (80' Nencioni), Mammoliti (76' Cereda L.). All.: Cincotta.

Arbitro: Balbi di Novi Ligure.

Reti: 27' e 60' Gaburro

Marco Curti

Nella fotografia: Daniela Graziotto

Enrico Manassero
Author: Enrico ManasseroEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

No Results Found

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!