Sabato, 04 Luglio 2020
appstore googleplay
windows store
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

COPPA ITALIA, ESORDIO AMARO: LA RES VINCE 3-0

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


lazio-resroma14ciNon parte nel migliore dei modi la nuova stagione della Lazio, che nell'esordio di Coppa Italia resiste per una buona ora alla Res Roma e poi incassa nel giro di dieci minuti i due gol che chiudono la partita sul risultato finale di 3-0 per le ospiti.
Con una formazione rimaneggiata alla meno peggio date assenze importantissime e giocatrici a mezzo servizio, il match si porta in salita già dai primi minuti, quando Pittaccio prova a superare Melis con un pallonetto che finisce di poco a lato. All'8' è capitan Nagni e ricevere palla al limite dell'area e procurarsi un calcio di rigore che lei stessa capitalizza di piatto sinistro per l'uno a zero. La Lazio fatica a venir fuori ma dietro tiene bene sui tentativi di raddoppio giallorossi: prima Simonetti calcia una punizione di poco a lato, poi ancora Nagni sfiora la doppietta alla mezz'ora, con Melis che si esibisce in un vero e proprio miracolo deviando sulla traversa con un colpo di reni. Stesso duello a porte invertite in apertura di ripresa, quando il numero dieci giallorosso entra in area ma non finalizza grazie ad un'altra prodezza dell'estremo difensore di casa.
Dieci minuti più tardi tocca a Ciccotti impattare di testa un bel corner dalla sinistra e siglare il due a zero, prima che Palombi, ancora su rigore, sigilli definitivamente l'incontro, nonostante l'occasione capitata sui piedi di Di Paolo sul finale di partita.

"Parlare di un 3-0 è sempre difficile – spiega mister Seleman a fine match - ma analizzando la partita ed i goal presi credo si possa parlare di un risultato eccessivo. Ci hanno segnato su due calci di rigore e una marcatura sbagliata su calcio d'angolo. Poi devo dire che prendere goal dopo pochi minuti non è facile, ma con tutto ciò abbiamo fatto per un'ora una grande prestazione. Più di questo non potevamo fare, considerando che avevamo davanti una squadra di serie A con due settimane in più sulle gambe, che in questo periodo della stagione fanno la differenza come si è visto nell'ultima parte di gara. Sono soddisfatto e contento di quello che ho visto in campo e fiducioso per il campionato che è il nostro vero obbiettivo".
La Lazio soccombe alla Res Roma con un risultato indubbiamente giusto, ma forse eccessivo date le modalità con cui sono scaturite le marcature (due rigori, un corner). Nonostante la sconfitta, infatti, considerato il valore delle avversarie, la squadra può ritenersi soddisfatta per aver opposto una buona resistenza un tempo e mezzo. Domenica prossima, in visita alle cugine della Roma nel derby della Capitale, si svolgerà il secondo turno di Coppa Italia, occasione per definire l'effettivo stato di forma della squadra in vista dell'inizio di campionato.

LAZIO - RES ROMA 0-3
Marcatrici: 8' Nagni (rig.) - 67' Ciccotti - 75 ' Palombi (rig.)
Lazio: Melis, Cutillo, Pezzotti (69' Tata), Savini, Vaccari, Picchi, Castiello (57' Lombardozzi), Monaco, Di Paolo, Coletta, Corradino (46' Santoro). A disp.: Grassi, Ferrazza, Fiorentini, Celli.
All.: A. Seleman
Res Roma: Pipitone, Gambarotta, Cunsolo, Fracassi, Villani (74' Palombi), Morra, Ciccotti, Simonetti, Pittaccio (64' Nicosia), Nagni, Biasotto (82' Colini). A disp.: Caporro, Mosca, Spagnoli, Ceccarelli.
All.: F. Melillo
Arbitro: M.Centi di Viterbo.
Note: gara giocata a porte chiuse per inagibilita' delle tribune dell'impianto.
Ammonite: Villani - Simonetti (R) Santoro (L)




Alessandra Esperide 

Walter Pettinati
Author: Walter PettinatiWebsite: www.pettinati.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Autore
Fondatore e Autore di calciodonne.it

Category

Author

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.