APRILE, TEMPO DI COPPA

Stampa
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Mozz Ver schierate piccola

Le festività pasquali fermano il campionato di serie A femminile, ma non il Mozzanica che sabato affronterà, sul campo amico di Via Aldo Moro, l’AGSM Verona per i quarti di finale di Coppa Italia. Partita secca, chi vince accede alle semifinali, chi perde abbandona la competizione. Novanta minuti di cardiopalma aspettano quindi i tifosi delle due compagini, una gara dai mille sapori: quello del riscatto per le venete, dopo la debacle di Brescia, quello delle tante risposte che i proprio supporter vogliono dalle biancocelesti, per le bergamasche. Sabato si rivive in pratica i quarti di finale della scorsa stagione, dove bergamasche e veronesi si affrontarono ancora, ma in terra scaligera. A guadagnare le semifinali furono allora Locatelli e compagne e quella sconfitta non è certo passata inosservata nella città Scaligera. L’uscita dalla coppa davanti al proprio pubblico è senz’altro un brutto ricordo per Mister Longega e truppa, ma proprio da quella sconfitta il Verona ripartì alla grande, costruendo una squadra che oggi sta guardando tutti dall’alto. Chiaro aspettarsi un’AGSM che voglia vendicarsi di quella gara, oltreché riscattare la recente delusione bresciana, ma a Mozzanica nessuno vuol rinunciare ad un obbiettivo bello e ambito come la coppa nazionale. La finale sfiorata nella scorsa stagione è ancora nella testa di tutti, quando a condannarci furono Patrizia Panico e Sandy Iannella, che sabato si troveranno di fronte l'una all'altra.

L’atmosfera che si respira nella bergamasca è quella delle grandi attese e abbiamo chiesto a Mister Nazzarena Grilli come si respira l’aria a Mozzanica, alla vigilia di questa esaltante gara: “L’atmosfera è buona, siamo pronte e cariche a giocarcela fino in fondo. Ci mancano alcuni elementi importanti, ma non dobbiamo e non possiamo piangerci addosso per questo, come del resto non l’abbiamo mai fatto. Affronteremo una squadra orgogliosa, ferita e arrabbiata e per questo ancor più pericolosa. Dovremo fare una gara di grande attenzione, sia individuale che collettivo. Arrivati a questo punto della competizione dobbiamo giocarcela a viso aperto come se non avessimo nulla da perdere. Certo questo calendario di Coppa Italia è ben strano, dopo Torres ora Verona per approdare in semifinale, quando ci sono squadre che per arrivare allo stesso punto non hanno neppure incrociato compagini di serie A. Vorrà dire che se avanzeremo significherà che abbiamo fatto molto bene ed è quello che mi auguro ovviamente.”

Buone notizie dall’infermeria giungono a proposito di Giulia Rizzon, che molto probabilmente potrà essere impiegata anche dal primo minuto. Niente da fare invece per Viola Brambilla che sta lavorando ancora a parte. Marta Mason sta invece proseguendo il suo programma di recupero nei tempi dovuti e ciò fa sperare in un suo rientro nelle prossime gare. Sul fronte Veronese mister Longega dovrebbe recuperare tutte le acciaccate pertanto si prospetta l’undici tipo in campo sabato.

Probabili formazioni di sabato ore 15.00:

Mozzanica (4-4-2): GRITTI; RIBOLDI, SCHIAVI, LOCATELLI, TONANI; SCARPELLINI, RIZZON, STRACCHI, MAURI; IANNELLA, GIACINTI. All. Nazzarena Grilli.

AGSM Verona (4-2-3-1): OHRSTROM; LEDRI, SALVAI, DI CRISCIO, SQUIZZATO; SIPOS, CARISSIMI; GABBIADINI, BONETTI, FUSELLI; PANICO. All. Renato Longega.

franzbaresi
Author: franzbaresiEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.