Sabato, 20 Luglio 2019
appstore googleplay
windows store
bari chievoverona40 fiorentina florentia50 juve milan40 mozzanica orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Serie A news 2014-15

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

verona ragacentro15

 

Sul terreno amico di via Sogare l'Agsm Verona affronta la "bestia nera" Mozzanica per conservare il primato nell'ultimo match casalingo e penultimo del campionato.
Penultimo difficilissimo ostacolo per la capolista Agsm Verona che questo sabato alle 15,00 sul terreno amico dello Stadio Olivieri di via Sogare affronta il Mozzanica, terza forza del campionato e autentica "bestia nera" per le gialloblù.
Per Gabbiadini e compagne si tratta di una gara da vincere a tutti i costi nell'ultimo impegno davanti al pubblico amico, contro un avversario in salute, che nell'ultimo turno ha battuto agevolmente la Torres.
Il Brescia, secondo ad una sola lunghezza dalle scaligere, avrà presumibilmente vita facile contro il già retrocesso Pordenone, e pertanto le scaligere, per mantenere la testa della classifica, dovranno sfatare il tabù che le vede prive di vittorie sulle bergamasche negli ultimi tre confronti tra campionato e coppa.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

firenze vicchiarello


Il centrocampo, il reparto dell’estro e della classe, del giocare a testa alta ed in rapidità, della pennellata vellutata e del tackel all’altezza dei cinquanta metri.
Quando si parla di mediana, per una sfida come quella di sabato, Firenze e Torres sanno di potersi avvalere di due atlete di gran spessore, di una coppia di giocatrici del calibro di Evelyn Vicchiarello, tenore del centrocampo fiorentino, e di Aurora Galli, schiacciasassi di regia sassarese, capaci di indirizzare, in qualsiasi momento e con un tocco imprevedibile, le sorti dei match, a favore delle rispettive formazioni.
Evelyn Vicchiarello, Centrocampista del Firenze:

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

puntosulcampionato1415
Due partite al termine del campionato ed il Verona ha ancora un punto di vantaggio sul Brescia campione d’Italia che, intanto, si gode la partecipazione alla prossima Champions, covando comunque ancora la speranza di non staccare lo scudetto dal petto nello sprint finale! La capolista sabato prossimo affronterà il temutissimo Mozzanica anch’esso soddisfatto di aver centrato un onorevolissimo terzo posto, mentre il Brescia, sul proprio campo, affronterà il Pordenone; nell’ultima giornata il Verona sarà impegnato sul campo del San Zaccaria, mentre il Brescia giocherà a Roma contro la Res., fate voi i pronostici!
Nella giornata odierna ci sono state tre vittorie casalinghe, due esterne e due pareggi; due le reti segnate da Bartoli, Sabatino, Bonansea, Sipos, mentre chi si è portato a casa il pallone per una tripletta è stata Giacinti!

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

sanzaccaria vittoria250415

 

S. ZACCARIA – L’ottimo momento di forma del San Zaccaria con 13 punti raccolti in 6 gare continua: a farne le spese stavolta è la Pink Bari stesa con un netto 5 a 1 dalle incontenibili biancorosse, che grazie a questa vittoria salgono a quota 27 punti in classifica mettendo quasi in cassaforte la disputa del playout. Manca ancora un punto per la matematica, da conquistare in questi ultimi 180’ minuti di gioco contro Tavagnacco e Verona. Al ‘Soprani’ ieri girandola di gol ed emozioni in una sfida agonisticamente combattuta con buoni spunti tecnici: dopo un primo tempo leggermente più equilibrato, nella ripresa si sono scatenate le romagnole. Già dopo 40’ secondi Cimatti segna ma è fermata per fuorigioco; al 4’ ancora Cimatti con un sontuoso colpo di tacco smarca al tiro Principi: traversa clamorosa.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Mozzanica Torres Sandy1MOZZANICA-TORRES-4-2

Reti: Giacinti (M) al 34’ e Iannella (M) al 42’ p.t.; Bartoli (T) al 10’ e al 36 e Giacinti (M) al 22’ e al31’ s.t.

Mozzanica: 1 GRITTI, 2 PERNIGONI, 3 TONANI, 4 STRACCHI, 5 SCHIAVI, 6 LOCATELLI, 7 IANNELLA (dal 17’ s.t. CAMBIAGHI), 8 BRAMBILLA (dal 44’ s.t. DOSSI), 9 GIACINTI, 10 SCARPELLINI, 11 RIZZON (dal 19’ s.t. FUSAR POLI). All. Nazzarena Grilli. A disposizione: Capelletti, Cervi, Riboldi, Mason.

Torres: 1 FAZIO, 2 BARTOLI, 3 MOTTA, 4 GALLI, 5 TONA, 6 PIACEZZI, 7 DOMENICHETTI, 8 MARCHESE, 9 GIUGLIANO, 10 SERRANO, 11 ESPOSITO (dal 16’ s.t. PINNA). All. Pompili. a disposizione: Usai, Piredda, Marchi.

Arbitro: Riccardo Dall’Oca (Como); assistenti: Emanuele Barcella e Sara Capelli (Bergamo).

Note: Giornata nuvolosa, con lieve precipitazione. Campo di gioco in buone condizioni. Presenti circa 300 spettatori. Recupero: 0’+2’30’’. Presente sugli spalti il CT della nazionale femminile Antonio Cabrini. Migliori in campo: Giacinti (M) e Bartoli (T).

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

tavagnacco tuttino verona0415

 

Dopo un primo tempo impeccabile, chiuso in parità, le gialloblu cedono nella ripresa (0 – 2). La formazione di Sara Di Filippo conserva, comunque, il quarto posto
Alla fine vince il Verona. Ma la Graphistudio, che interrompe la serie di cinque vittorie di fila, gioca una grande gara, riesce a limitare le bocche da fuoco veronesi e cede soltanto per due amnesie difensive, che armano il sinistro di Sipos. A causa delle assenze di Brumana e Peressotti, Di Filippo disegna un 4 - 1 - 4 –1, con Tuttino schermo protettivo davanti alla difesa: la nuova disposizione tattica crea seri problemi alla capolista. La squadra è compatta: le ripartenze, anche se non letali, sono comunque efficaci. Al 4’ primo tentativo di Tuttino, che impegna Ohrstromda fuori area. Al 5’ ci prova Bonetti di testa: alto sulla traversa. Rischio Graphistudio al 20’: numero di Bonetti, Panico sta per battere a rete ma Martinelli salva in corner. Replica friulana al 24’: Del Stabile difende e lavora un prezioso pallone e serve Camporese, il cui destro è deviato da Ohrstrom. Non è felice, invece, Parisi su punizione dal limite al 26’: il tranciante si perde sul fondo. Al 32’ torna a farsi vivo il Verona: il colpo di testa di Carissimi è però impreciso.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

res cuneo1 015Un gol di Claudia Ciccotti su calcio di rigore consente alla Res Roma di ottenere la decima vittoria in campionato e di portarsi a quota 35 punti, conquistando matematicamente il settimo posto in classifica, anche in virtu’ del pareggio tra Pordenone e Riviera di Romagna, che segue a quota 29 punti.
Mister Melillo deve fare come al solito i conti con una lunga lista di assenti, ma rispetto all’ultima gara giocata a Pordenone, recupera Cunsolo e Ceccarelli, e manda in campo dal primo minuto Pipitone tra i pali, Gambarotta, Cunsolo, Morra e Fracassi in difesa, Villani, Greggi e Ciccotti a centrocampo, con Simonetti alle spalle del tandem d’attacco Pirone-Palombi.
Sospinte da un pubblico passionale e numeroso, le giallorosse partono con il piede sull’acceleratore e trovano il gol del vantaggio dopo appena dieci minuti di gioco, grazie ad un’intuizione di Pirone, che anticipa Magnarini costringendola ad un netto fallo all’interno dell’area di rigore: dal dischetto la specialista Ciccotti non sbaglia e firma l’uno a zero che vorrà poi dire vittoria e tre punti.
Il Cuneo prova a reagire ma non va oltre un tiro dalla distanza di Franco, che termina di un soffio alto, mentre le padrone di casa sfiorano il raddoppio prima con Pirone e poi con Simonetti, che con un tiro al volo dai trenta metri colpisce in pieno la traversa della porta difesa da Ozimo. Prima dell’intervallo mister Melillo è costretto a sostituire Palombi, vittima di una distorsione alla caviglia, con Coluccini, che torna a calcare il “Vianello” dopo circa cinque mesi di assenza.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

firenze brescia0415Firenze sconfitto dalle leonesse: al 90’ cinque graffi ospiti valgono la vittoria lombarda.
E’ stata una gara dall’arbitraggio discutibile quella disputatasi nella ventiquattresima giornata di Serie A a San Marcellino, nella quale un A.C.F. determinato ad inseguire le posizioni che contano ha ceduto giocando ad armi pari contro le Campionesse d’Italia del Brescia, dimostrandosi attento e fluido nella manovra ma disarmato dal cinismo offensivo delle avversarie e da un possibile penalty non concesso alle gigliate, elemento crocevia delle sorti del match.
Primi minuti, nonostante un buon equilibrio tra le parti, subito in salita per la formazione di mister Sauro Fattori: al 9’ un’imbucata di Sabatino, servita da Tarenzi, viene finalizzata alle spalle di Matsubayashi, mentre al 14’ una staffilata di Girelli, dai venti metri, si insacca sotto la traversa, dove l’estremo difensore nipponico non può arrivare.
Rilevando poi proiezioni offensive di ambo le compagini, rese prive d’effetto dalle rispettive retroguardie, è il Firenze, intorno al 30’, a tentare d’accorciare le distanze, mancino in area rimpallato sulla linea di Del Prete, ed a riuscire a portarsi sull’1-2: sfera posta in mezzo dalla destra, Del Prete addomestica all’altezza del dischetto ed insacca in rapidità, non dando modo alle centrali bresciane di intervenire.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

brescia gol15

 

Partita dura per il Brescia che arriva sul campo del temibilissimo Firenze senza l’infortunata Cernoia. Fondamentale trovare i 3 punti per rimanere incollati al Verona capolista e di scena a Tavagnacco. Il Brescia parte fortissimo e con Sabatino crea il primo pericolo per la porta viola. Pochi minuti dopo passiamo in vantaggio: sempre Daniela Sabatino entra in aera su lancio in profondità e con grande senso di rapina fredda la giapponese Matsubayashi. 6 minuti più tardi tutti in piedi per il missile di Girelli che non lascia scampo all’estremo difensore casalingo. 2-0 e gara che sembra indirizzarsi verso una tranquilla vittoria… Le leonesse però sanno mettersi in difficoltà con le proprie mani e da un’ingenuità difensiva arriva il gol di Del Prete lasciata colpevolmente sola in area. Si va a riposo dunque sul 2-1.

Category

Author

No Results Found

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan di proprietà di Pettinati Editore.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!