Mercoledì, 26 Giugno 2019
appstore googleplay
windows store
bari chievoverona40 fiorentina florentia50 juve milan40 mozzanica orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Serie A news 2014-15

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

punto seriea15
Nella ventiduesima giornata di campionato Verona e Brescia hanno superato le loro avversarie con un risultato curiosamente uguale, due 7-1 che, a quattro giornate dal termine, danno l’avvio ad uno sprint finale che si presenta incerto e avvincente già a partire dalla prossima giornata, che vedrà il Verona impegnata in Sardegna contro la Torres ed il Brescia sul proprio campo contro la terza forza del torneo: il Mozzanica!
La Agsm Verona, capolista, si è sbarazzata facilmente della Pink Sport Time di Bari: una partita senza storia che ha visto le ragazze di Longega in vantaggio di tre reti a zero già alla fine del primo tempo. Dopo diverse opportunità per il Verona, la prima rete arriva al 28’, quando Bonetti mette in mezzo un traversone che Gabbiadini di testa mette in rete. Passano solo due minuti ed il raddoppio è cosa fatta: Ramera serve con precisione Gelmetti che con una mezza girata al volo supera Rizzi. La terza rete al 41’ è di Carissimi che, fuggita sul filo del fuorigioco, non dà scampo al portiere barese in uscita.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Mozz Orob Mason PicchiMOZZANICA-OROBICA ANIMA E CORPO-2-0

Reti: Mason al 30’ e Cambiaghi al 48’ s.t.

Mozzanica: 1 GRITTI, 2 RIBOLDI, 3 TONANI, 4 STRACCHI, 5 SCHIAVI, 6 LOCATELLI (1’ s.t. FUSAR POLI), 7 IANNELLA, 8 RIZZON, 9 GIACINTI, 10 SCARPELLINI (dal 23’ s.t. CAMBIAGHI), 11 MASON. All. Nazzarena Grilli. A disposizione: Capelletti, Dossi, Pernigoni, Brambilla, Garavelli.

Orobica: 1 SALVI, 2 BRASI, 3 ZANGARI, 4 POETA (dal 21’ s.t. VAVASSORI), 5 PICCHI, 6 BARCELLA, 7 ASPERTI, 8 VEZZOLI (dal 7’ s.t. FODRI), 9 MERLI Luana (dal 13’ p.t. RIVA), 10 MERLI Cristina, 11 ZAMBONI. All. Marianna Marini. A disposizione: Benigni, Bianchi, Lacchini, Massussi.

Arbitro: Ludwig Raus di Brescia; assistenti Said El Khalfaoui (Bergamo) e Jordi Casati (Treviglio).

Ammonite: Schiavi, Giacinti (M) e Zamboni (O); Espulsa Schiavi al 22’ s.t. per doppio giallo.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

brescia bonansea como15Partita dai due volti quella vista oggi in quel di Como: lente ed un po’ incerte nel primo tempo, trabordanti e rapide nella ripresa. Il risultato è comunque un 7-1 che non ammette repliche e che ha dato spettacolo. Ci sono stati gol di bellissima fattura come quello di Tarenzi alla Del Piero, o quello di Bonansea quando ha scartato il portiere in uscita. Prima di trovare il vantaggio però abbiamo dovuto faticare: prima Girelli su punizione costringe il portiere di casa alla deviazione sulla traversa, poi Rosucci non riesce ad approfittare di una brutta uscita di Presutti sparando alto. E’ però Cristiana a trovare un tiro-cross, dalla traiettoria imprendibile, che si insacca alle spalle dell’estremo difensore avversario. Il Brescia commette molti errori negli ultimi 25/30 metri ed il risultato rimane inchiodato sul 1-0.

Nella ripresa la musica cambia, ed è una sinfonia!

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Firenze Cuneo15Uragano viola: tredicesima vittoria in campionato e la compagine di mister Sauro Fattori torna a spiccare il volo. Si è dimostrato un Firenze propositivo e di primo ordine quello che, in un San Marcellino gremito per la ventiduesima giornata di Serie A, ha avuto la meglio su di una formazione piemontese ospite in terra toscana, in una partita giocata a viso aperto da entrambi gli schieramenti e sbloccatasi a favore delle locali già al primo giro d’orologio.
Al 1’ la rete da rapace d’area di bomber Rinaldi: cross dalla fascia mancina a rientrare di Vicchiarello e torsione, in girata, della numero nove del giglio, con una Ozimo incolpevole nel vedere il pallone depositarsi alle proprie spalle.
Vissuto un periodo di stallo, annotante un sinistro debole di Del Prete ed una punizione telefonata di Sodini per Matsubayashi, l’A.C.F. tenta il raddoppio, purtroppo senza particolare fortuna, in quanto sia la proiezione offensiva di Vicchiarello sia quella di Adami terminano arginate dalle centrali bianco-rosse.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

tavagnacco centrogol0415

Avanti di due reti, Camporese e compagne subiscono la rimonta del Pordenone ma, nel finale, la capitana inventa la giocata decisiva. E’ la quarta vittoria di fila delle gialloblu.
Tavagnacco all’ultimo respiro. Le gialloblu si aggiudicano in pieno recupero il derby con le cugine di sponsor del Pordenone: ci pensa Paola Brumana, con un pallonetto, a piegare la resistenza delle ragazze di Fabio Toffolo, abili a rimontare il doppio vantaggio delle padrone di casa.
Al 7’ prima conclusione di Brumana, che impegna Belgrado. Al 14’ Parisi carica il destro: la conclusione è di poco alta. Al 19’ è la volta di Tuttino dalla distanza, ma la mira è sempre sbagliata. Al 22’ si affaccia il Pordenone: sul sinistro di Sedonati agevole è la presa di Copetti. Al 24’ nuovo tentativo di Parisi, ma la conclusione mancina è troppo debole.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

resroma tifostadio15Tre gol, tre punti e una partita a senso unico: la Res non tradisce, vola a quota 31 punti e dedica la vittoria al piccolo Valerio Stella, deceduto qualche giorno fa mentre giocava a calcio e grande tifoso della Roma.
Ottava vittoria in campionato per la Res Roma che batte il Riviera di Romagna per 3 a 0 e si porta a quota 31 punti in classifica, distanziando di tre lunghezze le rivali odierne, e portandosi a +10 punti sul Cuneo, sconfitto 3 a 1 a Firenze, e a +11 sul San Zaccaria, che domani ospiterà la Torres.
Le tante assenze in casa giallorossa sul campo non si sentono, e servono solo ai fini statistici: all’appello mancano capitan Nagni, le nazionali under 17 Greggi e Caruso, e le infortunate Marzi, Biasotto, Nainggolan, Pittaccio e Spagnol, mentre torna tra le disponibili Manuela Coluccini, che torna a far parte delle 18 convocate dopo oltre 5 mesi di assenza, e si accomoda in panchina a fianco di mister Mellillo.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

verona vittoriaVerona.
Si affrontano sul sintetico di via Sogare Agsm Verona e Pink Bari per la quintultima giornata del massimo campionato.
Veronesi obbligate a vincere per mantenere la testa della classifica, baresi alla disperata ricerca di punti per tenere accesa la speranza di aggancio alla zona play-out.
Formazioni rimaneggiate da entrambe le parti: Longega deve rinunciare alle infortunate Salvai e Maendly, alla squalificata Di Criscio, e a bomber Patrizia Panico colpita nella notte da un grave lutto famigliare. L'allenatrice pugliese Cardone non può invece disporre delle squalificate Di Bari e Spelic.
La prima opportunità per le gialloblù giunge dopo sette minuti con l'incornata di capitan Gabbiadini che termina di un nulla a lato.
Ancora pericolosa Melania Gabbiadini che da due passi va a deviare il cross di Sipos con palla fuori di poco.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

riviera cristina ugolini0415ROMA – Riparte con il piede sbagliato la Riviera di Romagna, sconfitta dalla Res Roma nella nona di ritorno di serie A (3-0): avvio thrilling per la formazione giallo-rosso-blù, costretta a rincorrere dopo un solo minuto per la rete messa a segno da Villani, che sfruttava una punizione dalla sinistra di Ciccotti e con un preciso colpo di testa insaccava in rete l’1-0 (1’); pronta la reazione delle romagnole con un traversone da sinistra di Cristina Cassanelli per la testa di Patty Caccamo, sfera parata da Pipitone (5’). Sull’altro versante ancora giallo-rosse pericolose prima con un destro di Pirone da posizione defilata che terminava sul fondo (8’) e poco dopo con Palombi che si presentava a tu per tu con Silvia Vicenzi e sparava a rete, trovando la respinta del numero uno romagnolo (9’).

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

tavagnacco tuttino brumanaDopo un tris di successi consecutivi, ecco il derby di sponsor contro il Pordenone (domani, alle 15, al “Tavagnacco Stadium”) per allungare la striscia positiva. “Di Filippo: ”La prima di cinque finali. Ma c’è emergenza in difesa.”
Inizia la volata finale. Con la Graphistudio fermamente intenzionata a non mollare il quarto posto. Agganciato dopo i tre successi consecutivi del mese di marzo. Per calare il poker ed irrobustire la classifica, dunque, bisogna fare proprio il derby casalingo di “sponsor” in programma domani (avvio alle 15) con le cugine del Pordenone. “Ho chiesto alla squadra di non abbassare la guardia e di non allentare la tensione – afferma Sara Di Filippo – non dobbiamo pensare che sia una gara facile. E non solo perchè parliamo di un derby e per il bisogno di punti delle nostre avversarie.” Vi siete date uno scopo, da qui al traguardo? “Prima della sfida con la Res Roma ci siamo proposte di interpretare ogni partita come una finale.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

MOzz SZ 3Neanche il tempo di inghiottire l'uovo di cioccolato che Capitan Locatelli e compagne si sono rigettate negli allenamenti settimanali, per preparare la gara di sabato con l'Orobica di Marianna Marini. La vittoria di coppa con il Verona ha lasciato un dolce sapore in bocca a tutti i tifosi biancocelesti, ma le ragazze dovranno archiviare alla svelta questo importante successo, per ripartire in campionato alla grande, se vogliono sperare di tenere aperta fino al termine del torneo la lotta al vertice.

Category

Author

No Results Found

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan di proprietà di Pettinati Editore.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!