Giovedì, 04 Giugno 2020
appstore googleplay
windows store
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Amicizia Lagaccio - Alessandria

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


0028Ale

 

AMICIZIA LAGACCIO - ACF ALESSANDRIA 2 - 0



Primo tempo abbastanza equilibrato con entrambe le squadre che provano a costruire giocate vincenti, con numerosi cambi di fronte, senza però riuscire a modificare il risultato.
Al 8’ Zella serve con precisione Bergaglia, ma Accardo esce dai pali e salva la sua rete.
Al 10’ Zecchino riesce a seminare in velocità le sue dirette avversarie sulla fascia e cerca la rete, ma la palla esce lateralmente.
Al 11’ è Zella che dalla bandierina impensierisce Accardo che è costretta ad intervenire di pugni.
Al 23’ Zella offre un buon pallone a Bergaglia che ci prova di testa, ma Accardo agguanta la sfera.
Al 24’ Baghino inquadra la porta grigionera, ma la traiettoria del pallone risulta esterna.
Al 29’ Del Francia, marcata stretta da Capra, tenta il traversone con il pallone che schizza oltre la traversa.
Al 32’ Lazzaroni con un buon cross serve l’accorrente Capitan Amandola che trova Accardo vigile.
Al 35’ Zecchino da buona posizione, cerca di beffare il portiere con un colpo di testa però il pallone viene ribattuto, ne approfitta Bergaglia, ma anche il suo tiro viene intercettato, è Lazzaroni che aggancia la palla e tira: Accardo salva la situazione.
Al 38’ Pesce si trova faccia a faccia con Minato ma il tiro è centrale e facile presa per il portiere.
Al 39’ Zecchino dal limite dell’area scaglia il pallone di poco sopra la traversa.
Reti inviolate nel primo tempo.
Il secondo tempo inizia come una copia fedele del primo, le forze in campo sembrano equivalersi così come il possesso di palla e le conseguenti azioni.
Al 6’ Bergaglia aggancia al volo la sfera e la gira nella porta, trovando Accardo pronta all’intervento.
Al 8’ Del Francia, dopo un bel duello con Capra, cerca il primo palo trovando, però, Minato ben posizionata.
Al 26’ Schiavi con uno spettacolare colpo di tacco passa il pallone a Bergaglia che serve Amandola, però il reparto difensivo ligure non permette il tiro.
Al 27’ Bargi (entrata da due minuti) sfrutta una incomprensione della difesa alessandrina: un retropassaggio non ben calibrato è l’assist per il suo primo goal.
Al 29’ sempre Bargi, servita con una palla lunga sulla fascia, si libera dalla sua diretta avversaria e con un potente tiro firma la sua doppietta.
L’Alessandria dimostra di aver accusato il colpo e per alcuni minuti perde di lucidità. Fortunatamente i reparti si serrano e ritrovano il giusto ritmo, senza riuscire a modificare il risultato.
Mister Cantone non è in vena di sconti: “la sconfitta di oggi è completamente differente dalle precedenti due. La squadra avversaria oggi era alla nostra portata. L’Alessandria ha cercato di costruire senza mai riuscire a realizzare. Purtroppo in campo ci sono state alcune disattenzioni e atteggiamenti poco propositivi che hanno portato a questo risultato.”

 

Amicizia Lagaccio: Accardo, Piombo, Ghidetti, Bonissone, Liccio, Baghino, Nietante (12’ st Lo Sordo), Merler, Cereseto (19’ st. Boggero), Pesce (25’ st. Bargi), Del Francia. A disp: Minopoli, Gandini, Aloi, Biringhellli. Allenatore: Napoli

 

ACF Alessandria: Minato, Capra, Lazzaroni, Zecchino (20’ st Luison), Marigonda, Marinoni, Schiavi (30’ st Violino), Zella, Bergaglia (36’ st Garavelli), Amandola, Barbesino. A disp: Giribaldi, Devecchi, Cossu. Allenatore: Cantone

 

Marcatori : Bargi (27’st; 29’ st)
Direttore di gara: Calefati di Saronno
Assistenti: Rushanaj e Garrone di Genova

 

Simona Borelli

 

0027Ale

 

0026Ale

 

Enrico Manassero
Author: Enrico ManasseroEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.