Domenica, 08 Dicembre 2019
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Finale Coppa Piemonte Romagnano - Juventus

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


2015 2016 Romagnano

 

ROMAGNANO-JUVENTUS 1-2
Perdere una finale fa sempre male. Se poi si aggiunge l'amarezza di aver sprecato tante occasioni, va da sé che la delusione è davvero difficile da smaltire. Il Romagnano nelle ultime stagioni è stato beffato più volte: ma anche ieri, al termine di una finale di Coppa Piemonte persa immeritatamente, tutto l'ambiente sesiano si è compattato, dimostrando di saper vincere anche nelle sconfitte, rimanendo unito. Il primo pensiero va a Nadine Zaretti: quella di ieri a San Germano Chisone è stata la sua ultima partita. Staff tecnico e compagne le hanno tributato un coro e un addio degno delle migliori guerriere: questo perché Zaretti è sempre stata un esempio, in campo e fuori. C'è però tanto rammarico: la serie B sfumata per due soli punti e una finale di coppa incredibile, in cui le granata hanno subito poco e sprecato tanto. "Credo di non poter dire nulla alle ragazze - sottolinea mister Davide Decaroli -. Non abbiamo sfruttato quanto creato e questa è l'unica pecca. Ma un gruppo così, unito anche nella sconfitta, meritava un finale di stagione ben diverso. A nome di tutti ringrazio Nadine per quanto fatto in questi anni: la sua presenza è sempre stata fondamentale".
Ma le parole di Decaroli non nascondono l'amarezza. Il Romagnano ha fatto tutto il possibile; l'unica vera recriminazione è che le opportunità più ghiotte non siano capitate alla giocatrice più decisiva in zona gol dell'intera stagione, quella Rossella Donderi che l'occasione ha dovuto crearsela praticamente da sola, colpendo però una sfortunata traversa. E dire che il Romagnano era anche partito bene, sfiorando il vantaggio all'11' con Franco che, a tu per tu con Rusolo, ha calciato addosso al portiere juventino dopo un preciso invito di Zignone. Le novaresi hanno rallentato i ritmi solo nella seconda parte del primo tempo e lì la Juventus si è dimostrata cinica, passando alla prima chance: cross al bacio della scatenata Benatello e colpo di testa vincente di Falcone quando il cronometro segnava il 32'. Ad evitare il crollo ci ha poi pensato Marabelli che al 40' ha respinto con un piede l'iniziativa di Tordella. Nel recupero Franco riceveva palla da Zaretti, ma la sua conclusione dal limite risultava troppo centrale.
Chi pensava ad un Romagnano incapace di reagire si è dovuto ben presto ricredere: nei primi minuti della ripresa Franco e Pella hanno sciupato due buone opportunità dopo aver rubato palla nell'area avversaria, poi al 10', nell'unica iniziativa di tutta la ripresa, le bianconere hanno raddoppiato grazie ad una sontuosa giocata di Martina Benatello. Sembrava finita, invece Decaroli le ha provate tutte e al 22' una delle subentrate, Elisa Tuberga, ha riaperto la partita insaccando a porta vuota dopo uno degli ultimi guizzi di Zignone. La talentuosa giocatrice granata infatti ha dovuto alzare bandiera bianca, eppure il Romagnano ha creato tre limpide palle gol per prolungare la sfida ai supplementari. Al 27' Donderi ha conquistato palla in area e ha colpito la traversa dopo aver trovato la coordinazione in un fazzoletto di campo. Al 37' un'uscita scomposta di Rusolo permetteva a Orgiu di calciare a porta praticamente vuota trovando però solo l'esterno della rete. Il portiere juventino si riscattava però al 44' parando in due tempi l'ultimo disperato tentativo di Buccella. Poi, al triplice fischio, le lacrime: di gioia quelle delle torinesi, di rabbia e tristezza quelle delle granata.



 

Romagnano: Marabelli, Lomazzi, Giannetti, Nidasio, Buccella, Zaretti (16'st Orgiu), Franco (9'st Tuberga), Antonietti, Donderi, Pella (33'st Sartore), Zignone (25'st Veronese). A disposizione: Berghi, Zampieron, Scalcon. All.: Decaroli.

 

Juventus: Rusolo, Cardone, Chiavicatti, Falcone (32'st Mumicchi), Cupoli, Tomei (3'st Nicastro), Capello (34'st Milone), Mondino, Tordella, Sottil, Benatello (40'st Devoto). A disposizione: Stranieri, Uricchio, Dema. All.: Pecchini.

 

Reti: 32' Falcone (J), 10'st Benatello (J), 22'st Tuberga (R).
Arbitro: Olanescu di Bra.
Note: spettatori 100 circa. Ammonite Giannetti nel Romagnano, Sottil nella Juventus.

 

Ufficio Stampa Romagnano femminile

Enrico Manassero
Author: Enrico ManasseroEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

No Results Found

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!

Please publish modules in offcanvas position.