Sabato, 30 Maggio 2020
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Romagnano - Cavallermaggiore

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


0Romagnano Cava

ROMAGNANO-CAVALLERMAGGIORE 1-0
Ci sono partite che nascono per diventare romanzi. In questo caso si può parlare di un romanzo a lieto fine. Finisce con le lacrime di Marina Marabelli, portiere del Romagnano che, a poche settimane dall'annunciato ritiro, non trattiene a fine gara la gioia e la tensione di una partita bella giocata da due squadre forti. Romagnano e Cavallermaggiore hanno dimostrato di avere grandi qualità e alla fine le granata si sono prese la rivincita: l'1-0 finale viene deciso solo da un'autorete a un quarto d'ora dalla fine, anche se nel secondo tempo le ragazze di Decaroli avevano sicuramente avuto occasioni e predominio territoriale. E' stata anche la vittoria di Davide Decaroli: ha scelto la vecchia guardia per giocare la partita più importante della stagione e non è stato tradito. Anzi, il Romagnano ha giocato una partita di alto livello, come da tempo non si vedeva. Tutte hanno fatto la loro parte, ma, oltre a una Marabelli sicuramente in grande spolvero, non si può non citare la grinta e la forza di volontà di Erica Antonietti, autentico baluardo insormontabile a centrocampo per le avversarie.
Del resto le premesse erano state buone: al 6' Veronese si accentra e scaglia un destro che Brullo riesce a deviare in corner con la punta delle dita; dalla bandierina batte Saglietti e la stessa Brullo salva a pochi passi dalla linea. Poi il Cavallermaggiore prende le misure e al 12' ci vuole la migliore Marabelli per parare prima il tiro da fuori area di Armitano e poi la successiva ribattuta di Ferrero. Al 16' ancora Marabelli si oppone al tiro di Ferrero, servita da Tortone. Sul ribaltamento di fronte Donderi difende palla e lancia in profondità per Veronese che però calcia sul fondo. Le squadre non si risparmiano e si assiste ad una lotta senza esclusione di colpi in cui i due portieri fanno un'ottima figura: è semplicemente strepitosa la parata di Marabelli che al 24' toglie dall'angolino la conclusione a girare di Paoletti, ma anche Brullo non sfigura per opporsi al 45' al tiro di Buccella, servita da una verticalizzazione di Saglietti.
La sensazione è che ci voglia un episodio per rompere lo 0-0, ma nella ripresa il Cavallermaggiore cala vistosamente e il Romagnano diventa padrone assoluto del campo: al 5' corner di Saglietti e sull'inzuccata di Buccella è la traversa a negare il gol. Al 15' Pella tocca per Donderi, tiro di sinistro e Brullo si rifugia in angolo. Comincia la girandola dei cambi, ma il copione non muta e al 27' Buccella allarga troppo il sinistro al volo su invito di Pella. Il gol è però maturo e giunge al 31': Giannetti recupera un pallone sulla sinistra e lo scodella a centro area dove Abrate, una delle migliori in campo, anticipa Donderi di testa, ma mette la sfera nella sua porta dopo aver colpito la parte bassa della traversa. A quel punto gli schemi saltano, il Romagnano fallisce alcune ripartenze invitanti e trema solo al 41', quando Paoletti riesce a girarsi, ma calcia fuori di poco. Poi al triplice fischio l'entusiasmo è incontenibile.

 



Romagnano: Marabelli, Buccella, Giannetti, Nidasio, Scalcon, Saglietti (22'st El Akri), Tuberga (32'st Orgiu), Antonietti, Donderi (41'st Villarboito), Pella, Veronese (35'st Franco). A disposizione: Godio, Cervellin. All.: Decaroli.

 

Cavallermaggiore: Brullo, Bertone (28'st Graglia), Favole, Rivetti, Giordano, Murialdo, Tortone, Abrate, Paoletti, Armitano (23'st Sordello), Ferrero (35'st Bozzoli). A disposizione: Chicco, Barbero, Giacardi, Tosa. All.: Borra.

 

Arbitro: Puddu di Pinerolo.
Rete: 31' st autogol di Abrate.

 

Ufficio Stampa Romagnano Femminile

Enrico Manassero
Author: Enrico ManasseroEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.

Please publish modules in offcanvas position.