Sabato, 28 Novembre 2020
iten

Napoli Carpisa Yamamay troppo forte, il Grifone Gialloverde sconfitto applaude le rivali

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 


Napoli - Al “Cus”, show del Napoli Femminile di Giuseppe Marino che annichilisce il Grifone Gialloverde così come era già accaduto nel match di andata, andando a vincere, per l’appunto, con lo stesso punteggio.
Una “manita” decisamente pesante inflitta ad un avversario che avrebbe dovuto giocarsi il tutto per tutto dal momento che, in caso di una vittoria, avrebbe acciuffato la capolista Carpisa a quota 52. Invece, la squadra della Guardia di Finanza non è mai pervenuta al tiro sul taccuino, dove è d’obbligo annotare il numerosissimo pubblico presente sulle assolate gradinate della struttura del quartiere di Cavalleggeri d’Aosta.



Il Napoli, con sei lunghezze di vantaggio, si avvicina a disputare i play-off promozione per l’accesso alla serie B.

Le azzurre sono arrembanti sin dalle primissime battute e, già al 2’, vanno vicinissime al vantaggio: punizione per le padrone di casa con la De Paula che calcia a giro sul secondo palo, con la respinta di De Angelis che allontana la sfera sulla quale si fionda Tammik che ribatte però sul palo. Al 13’, sempre la Tammik, da posizione favorevolissima, spara alto sopra la traversa. Al 16’, il direttore di gara assegna un penalty per atterramento di Sibilio in area avversaria, con la stessa che trasforma dagli undici metri: è 1-0. Uno dei punti forti delle azzurre è il grande possesso e giro palla con verticalizzazioni.

Poco più della mezz’ora, il Napoli Femminile potrebbe raddoppiare con Tammik a segno ma la rete dell’estone viene annullata per fuorigioco. Dopo 1’, Sibilio arriva in ritardo sul pallone su invito della compagna di reparto Tammik. Al 39’, raddoppio partenopeo con Kubassova che sbroglia la mischia in area che si era creata, con un preciso rasoterra indirizzato nell’angolino della porta difesa da De Angelis (2-0).

Ripresa speculare alla prima frazione di gioco con le locali che schiacciano sempre l’avversario nella rispettiva metà-campo e difesa alta. Al 3’, punizione dal vertice alto per il Napoli Femminile con De Paula che calcia bene a giro con la sfera in rete anche grazie alla complicità dell’estremo difensore ospite: è il tris che, di fatto, già chiude i giochi.

Al 21’, Tammik continua a cercare la marcatura personale ma incespica sul pallone, con un nulla di fatto. Al 34’, la neo-entrata anche la neo-entrata Massa finisce sul taccuino dell’arbitro nello spazio riservato ai marcatori, dopo aver infilato De Angelis per il poker partenopeo. Al 37’, bordata dalla distanza del difensore Cutillo che centra il palo, col portiere battuto. Al 40’, tiro della Kubassova, questa volta respinge De Angelis. Dopo 1’ di lancetta, ci prova anche la neo-entrata Russo su piazzato, ma la sua conclusione è alta. Al 43’, sugli sviluppi di un corner, Russo sigla il definitivo 5-0, ancora grazie all’aiuto del portiere che si fa gol quasi da sola.

Prossimo turno, spazio all’andata delle semifinali di Coppa Italia con le azzurre impegnate in Umbria contro il Perugia.

Maurizio Stabile 

Maurizio Stabile
Author: Maurizio StabileEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Responsabile Sud Italia
Giornalista

Category

Author

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.

Please publish modules in offcanvas position.