logo app

Calcio Giovanile

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
ho una curiosita' da proporre alle giovani calciatrici, ai loro dirigenti e ai loro allenatori che avranno la pazienza e la voglia di leggere questo breve articolo. Il mio quesito e' questo:

quanto e' difficile ammalgamare in una squadra di adolescenti:14-15 anni, una nuova componente a campionato gia' iniziato?

la ragazzina ha un grande talento, che la induce spesso a strafare e una grande personalita', che spesso la portano ad essere la leader. Il suo inserimento invece di dare un valore aggiunto alla squadra, ha portato la compagine ad un crollo verticale di risultati. Perche' nelle squadre maschili, il piu' forte o il piu' bravo viene assimilato abbastanza agevolmente. facendosi accettare dal resto del gruppo, mentre in una squadra femminile fatica ad imporsi. 

Il mio caso e' frutto di una casualita', che non porta ad un giusto calcolo per la statistica, oppure nelle formazioni: esordienti, giovanissime o primavera femminili esistono comportamenti analoghi.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
La squadra statunitense è stata campionessa mondiale under 20, si è già aggiudicata inoltre:tre medaglie d'oro olimpiche e due titoli mondiali, in Germania ai mondiali sarà una delle nazionali da battere. Quale segreto ha portato il calcio femminile a scalzare negli Stati Uniti, i" giganti" americani come: il Football (quello con la palla ovale e le corazze), il basket e il baseball.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
noi genitori guardando lo sport in televisione , dove vengono esasperati certi aspetti della competizione, siamo portati a navigare in un mondo virtuale, dove le nostre ragazze devono vivere ogni partita di pulcine o esordienti,come la finale al "camp nou". Il calcio e' uno sport educativo, che insegna il raggiungimento di un risultato attraverso le potenzialita' della squadra.
Bisognerebbe caricare le nostre ragazze con un rinforzo positivo, senza frustrarle, per i risultati negativi, che spesso possono arrivare. Arrivando piuttosto ad elogiare l'impegno della ragazza, nel caso di una sconfitta, con un suo tiro finito sul palo, piuttosto che enfatizzare una vittoria ottenuta immeritatamente.

Un eccessivo carico di aspettative puo' addirittura arrivare a pregiudicare il rapporto con la propria figlia. la ragazzina potrebbe perdere la voglia di giocare a calcio per non deludere il proprio genitore-tifoso. l'attivita' sportiva deve essere fondamentalmente uno svago. una fuga dai compiti, dai cellulari e dalla playstation. Il piacere di divertirsi insieme, deve essere il dogma per ogni genitore e non il dovere di vincere sempre, come se fosse una sfida personale.

Maurizio Faretta

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Siete ancora convinti che che le nostre figlie adolescenti, pensino al calcio come un noioso sport con 22 uomini in mutande che rincorrono una palla.
Provate a leggere alcuni commenti che ho trovato su internet, sono sicuro che molti papà, dovranno meditare sui sogni delle loro principessine con le scarpette...con i tacchetti.

Pagina 5 di 5

© 2018 Pettinati. All Rights Reserved.