Adottare la Dieta Zona (seconda parte)

Stampa
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

dietazona parte2
Come abbiamo detto in un altro articolo, le sensazioni di bruciore e fatica,sono prevalentemente da attribuire agli ioni di idrogeno rilasciati durante la combustione del Glucosio, che alzano il PH del sangue producendo queste sensazioni.
La frutta e la verdura sono fonti Alcaline e quindi la migliore fonte di Carboidrati, di Antiossidanti e di Minerali e riducono l’acidità del sangue. Bisogna quindi inserire nei pasti in Zona la maggior quantità concessa di frutta e verdura (Carboidrati a basso indice glicemico) a discapito di pasta, pane, legumi, patate, zuccheri raffinati e simili (Carboidrati ad alto indice glicemico). Come in tutte le cose è inutile essere estremisti e quindi è sempre bene non eliminare completamente nessun alimento ma solo cambiare le proporzioni

indice glicemicoL’apporto di zuccheri tramite l’uso di frutta e verdura risulta sufficiente e perfettamente adeguato alla richiesta anche di un atleta, usando alcuni semplici accorgimenti. Vista la minore densità calorica, inoltre, questo permetterà di mangiare molto di più e quindi di non sentire mai la fame.

Si useranno Carboidrati a più Basso Indice Glicemico nelle fasi di riposo e Carboidrati ad Elevato Indice Glicemico nel Pre, Durante e immediatamente Post attività. In questo caso si rivela utile anche l’uso di integratori del tipo delle Maltodestrine che, durante una gara o un allenamento, permettono un apporto costante di energia mantenendo relativamente stabile la Glicemia.

Principali vantaggi delle Maltodestrine rispetto ai Carboidrati contenuti negli alimenti sono il sapore neutro, il fatto di essere solubili in acqua e facilmente assimilabili anche in caso di deficienza enzimatica. Sono inoltre a basso contenuto salino e sviluppano una pressione osmotica minore rispetto ai carboidrati semplici a basso peso molecolare (1/5 rispetto al glucosio).

Questo significa una maggiore velocità di assorbimento. In questo modo concentrazioni elevate di Maltodestrine possono essere assimilate senza problemi, mentre un contenuto equivalente di destrosio o di altri zuccheri semplici determinerebbe la comparsa di crampi addominali fino alla diarrea.
La situazione qui descritta è assolutamente compatibile con la Dieta Zona. Come si vede dalla figura, infatti, gli alimenti ad Indice glicemico (IG) basso, faranno salire la Glicemia più lentamente ma permetteranno di spalmare l’energia assunta per un tempo più lungo.

Per approfondire questi argomenti leggi:
Zona ed Endurance. Che succede.
Zona ed Endurance. Radicali liberi.

Firmato Gabriele Buracchi. Biologo Nutrizionista

 

Dott. Gabriele Buracchi
Author: Dott. Gabriele BuracchiWebsite: http://dietazonaonline.com/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Biologo Nutrizionista Psicologo
Gabriele Buracchi, si è laureato in Scienze Biologiche e successivamente in Psicologia presso l’Università di Firenze, con un perfezionamento universitario presso l’Università di Parma, lavorando per molti anni presso vari ambulatori della Toscana come Nutrizionista e Psicologo. È stato Professore a Contratto presso l’Università di Pisa ed è autore di numerose pubblicazioni scientifiche e divulgative. Vedi Curriculum completo: http://dietazonaonline.com/curriculum-vitae-dott-buracchi