Domenica, 21 Luglio 2019
appstore googleplay
windows store
bari chievoverona40 fiorentina florentia50 juve milan40 mozzanica orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Convegno a Latina: "Prevenire la violenza sulle donne attraverso lo sport"

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


latina cappelluti1216
Il 17 dicembre, a Latina, presso l'aula magna del liceo scientifico "Gb Grassi", si è svolto il convegno "Prevenire la violenza sulle donne attraverso lo sport" al quale ha partecipato anche il presidente ASI Nazionale Claudio Barbaro.
Un segnale importante, in cui tutti i partecipanti si sono uniti per gridare in coro "no alla violenza sulle donne attraverso lo sport". Hanno presenziato oltre ai relatori e agli ospiti di eccezione, le atlete del Latina Calcio femminile, le associazioni sportive Linea sport, a.s d. Taekwondo Borgo Hermada, la Federazione Krav Maga Italia, Power's center, l'Atletica lepina, L' a.s.d. Effetto Danza, a.s.d.shalom relax e tante altre ancora.

Durante il mio intervento ho voluto ribadire le difficoltà concrete che lo sport deve superare per diventare uno dei principali strumenti di sostegno alle donne nella nostra società. Purtroppo, infatti, questo non è sempre possibile. Dal punto di vista legislativo ci sono diversi ostacoli che devono essere superati e che ho citato durante il convegno: primo fra tutti quello della Legge 23 marzo 1981 numero 91 che regola le Norme in materia di rapporti tra società e sportivi professionisti, valido solo per gli atleti di sesso maschile. In secondo luogo ho introdotto la tematica delle difficoltà psicologiche incontrate da donne in età adolescenziale e post-adolescienzale impegnate in attività sportive prettamente “maschili”. Infatti, studi longitudinali hanno dimostrato che ragazze e donne con un fisico più androgino, riescono ad ottenere maggiori risultati in questa tipologia di sport: boxe, pugilato, calcio o basket.

Crescendo, per evitare che lo sviluppo corporeo possa compromettere i loro risultati sportivi, queste ragazze assumono comportamenti alimentari bulimici e anoressici per ritardare le modifiche del proprio corpo e la crescita per mantenere un corpo adolescenziale. E’ necessario cercare di combattere questo tipo di comportamenti nocivi seguendo queste ragazze durante tutto il loro percorso e fornendo loro un supporto istituzionale e psicologico.

Infine, introdotto da Anna Silvia Angelini, non può non essere ricordato il toccante intervento della scrittrice Barbara Balestrieri, che nel suo libro “La bambina che non vedeva il suo arcobaleno“ e durante l’evento, ha raccontato la vita di Ginevra, una donna la cui vita è stata segnata da abusi sia a livello fisico che psicologico, che la hanno portata dalla rabbia e lacrime, ad un tunnel di anoressia senza fine.

Contro tutto questo il mondo dello sport deve rimanere unito e far sentire la propria presenza, per diventare un punto di riferimento per le giovani atlete che sono l’orgoglio del nostro Paese e io continuerò a lavorare in questa direzione.

Roberta Cappelluti
calciodonne.it

roberta cappelluti
Author: roberta cappellutiWebsite: #Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Autrice
Dott.ssa Roberta Cappelluti - Psicologa Clinica e dello Sport +39.3490095906 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

No Results Found

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan di proprietà di Pettinati Editore.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!