Mercoledì, 02 Dicembre 2020
appstore googleplay
windows store
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Mantova, ora sei competitivo

Valutazione attuale: 2 / 5

Stella attivaStella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


“Quattro innesti di qualità per la rosa di mister Carlotti”“Quattro innesti di qualità per la rosa di mister Carlotti” Dopo gli acquisti di Serena Mero, Alessandra Zangari, Camilla Pavana e Serena Salvaro, arrivano in terra virgiliana,  dal Parma  quattro pedine che rappresentano un lusso per la categoria, un operazione di mercato  di indubbio valore quella conclusa dai dirigenti biancorossi che ora possono presentare ai nastri di partenza del prossimo campionato di serie C  una squadra sulla carta competitiva e con valori tecnici di primissimo piano… ma analizziamo le ultime arrivate: 



Beatrice Parizzi (centrocampista - Classe 1993) e una classe cristallina, nata per giocare a calcio, mancina pura ha nel dna quel mix di estro, follia e fantasia che solo i grandi campioni possiedono.  la ricordano poco più che bambina scorrazzare sulla fascia sinistra del campo di Noceto saltando avversarie come birilli con una facilità paradossale.  Folletto immarcabile e a farne le spese sono le squadre avversarie che per riuscire a fermarla possono solo ricorrere alle maniere forti. Nel suo curriculum anche un campionato da titolare nel Bardolino.

Giada Maini ( Jolly – Classe 1986) giocatrice polivalente, che può ricoprire per la gioia degli allenatori varie posizioni nello scacchiere tattico di una squadra. Dotata di buona tecnica, fa del dinamismo la sua dote principale. Reduce da due campionati nel Parma, e con alle spalle tre stagioni in serieB con la polisportiva Galileo e Bardolino.

Cristiana Cristaldi (Difensore –Classe 1983) atleta dotata di grande dinamismo e con caratteristiche tipiche di difensore centrale, può occupare tranquillamente varie posizioni nel reparto arretrato, nel suo lungo curriculum un campionato da protagonista in Serie A con la Reggina e due in serie B con Polisportiva il Cervo. Da tre anni punto di forza difensivo prima del Noceto e poi a Parma.

Fosca Calloni (difensore) 34 anni oltre 60 presenze in serie A, carismatica e solare  - Inizia a giocare nel Fidenza per poi trasferirsi nella serie maggiorealla Reggiana, una delle squadre più importanti a livello locale e nazionale in quel periodo «L’impostazione societaria e la professionalità degli allenatori a Reggio Emilia mi hanno fatto acquisire una mentalità vincente e crescere tecnicamente, anche se solo con l’impegno e il sacrificio si possono raggiungere determinati obiettivi» - commenta la neo biancorossa. Successivamente indossa le maglie del Montale, dell’Arezzo e Imolese, dove è particolarmente amata, la scorsa stagione capitano del Parma. Arrivo a Mantova con l’ entusiasmo di una ventenne e per dare un contributo importante per raggiungere gli obbiettivi  prefissati della società.

Un Mantova, quello costruito questa estate che potrebbe davvero presentarsi con credenziali importanti in questo impegnativo campionato di C Lombarda e giocare alla pari con le favoritissime Chiari e Cortefranca. Rosa di 21 atlete ( il girone a 16 squadre , ovvero 30 incontri non perdona) Inizio preparazione il 21 Agosto , quattro allenamenti settimanali e due amichevoli già programmate.Cresce l’ attesa tra dirigenti e tifosi di vedere le prime uscite delle virgiliane , che ad oggi rappresentano la città virgiliana  come la squadra con la categoria più blasonata del calcio a undici cittadino.Da segnalare infine due operazioni in uscita, sono state cedute in prestito rispettivamente a Vicenza e Mozzecane Francesca Bettinardi (attaccante) e Vanessa Schenato (Difensore)

Author: redazioneEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.