Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Mercoledì, 22 Novembre 2017
appstore Migastone googleplay
bari brescia empoli fiorentina juve mozzanica ravenna resroma sassuolo tava valpo verona w

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

statistiche-ve-taGrazie alla collaborazione di Paolo Marcutti, all'avanguardia con la tecnologia mobile, possiamo pubblicare le statistiche della finale di Coppa Italia: Verona - Tavagnacco.
Paolo utilizza un APP android che gli permette di registrare ogni azione del match sul suo applicativo, diffondere il file in tempo reale oppure in seguito con il pdf, come fa nel post partita, via posta elettronica.
Un servizio utile e interessante per analizzare la gara ma anche da trasmettere durante il live scores per vivere in tempo reale le emozioni della partita.
Questa applicazione ha la funzione di gestire le statistiche tattiche complete della tua squadra e permette di registrare le seguenti situazioni: Gol, assist, tiri, passaggi, cross, dribbling, calci d'angolo, falli , fuorigioco con le formazioni, arbitri e molte altre info. L' APP può essere scaricata al seguente link: scarica app

Scarica/visualizza le statistiche di Verona - Tavagnacco

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Finale Coppa_Italia_2013_042Forlì - Va alla Graphistudio Tavagnacco la Coppa Italia 2013, dopo una gara dominata, nella quale il Verona si perde già dopo cinque minuti di gioco e non riesce più a recuperare. Le friulane arrivano in romagna molto più concentrate rispetto alle venete che mister Longega schiera in campo con lo stesso modulo della semifinale, vinta contro la Torres, ma mescolandone le interpreti. Certo le scaligere non possono che recitare il mea culpa. Al di là dello scivolone al pronti-via di Karlsson e Ohrstrom, due delle migliori tra le veronesi per tutta la stagione, le venete sono apparse spente e scariche, incapaci di ripetere la grande prova di solo sette giorni prima. Marco Rossi invece ha ottenuto dalle sue una gara ai limiti della perfezione, nella quale dobbiamo sottolineare una Ilaria Mauro completamente ritrovata, elegante in fase di rifinitura e spietata in zona goal.

Longega rinuncia alla canadese Lagonia dal primo minuto, una scelta che col senno di poi lascerà qualche rammarico. I primi minuti mostrano due squadre combattive e concentrate, ma al 5' le veronesi fanno letteralmente harakiri: Karlsson e Ohrstrom temporeggiano troppo, Mauro come un falco si fionda tra le due svedesi e a porta sguarnita deposita in rete. Tavagnacco subito in vantaggio, con un goal fortuito, ma pesante come un macigno. Con un po' più di fortuna potrebbe pervenire al pareggio il Verona al 17', quando Squizzato raccoglie la respinta della difesa e da lontano, con una parabola velenosa, coglie in pieno la traversa con Marchitelli apparsa in ritardo. Risponde due minuti dopo Brumana con un diagonale potente, ma respinto con i piedi da Ohrstrom. Le scaligere provano a imbastire qualche iniziativa, ma il 5-3-2 gialloblù non sortisce l'effetto sperato, con Squizzato e Toselli che faticano a salire e sostenere la manovra offensiva. Il risultato è che a centrocampo le friulane sono sempre in superiorità numerica e Girelli e Gabbiadini lasciate sole al proprio destino, mentre dietro Toscano Aggio deve fare letteralmente gli straordinari per stoppare le scorribande friulane. Camporese sulla sinistra è un autentico spauracchio, mentre dai piedi di Bonetti partono servizi invitanti per le compagne e quando decide di farsi vedere in area va vicinissima al goal al 29', quando di testa incorna di forza il traversone di Mauro, ma centralmente e Ohrstrom blocca. Le veronesi si vedono praticamente solo sui calci piazzati che conquista con caparbietà capitan Gabbiadini. Ledri manca al 35' il tap in a due passi dalla porta sulla punizione dalla trequarti di Di Criscio, mentre a tempo scaduto Girelli calcia alle stelle al termine della più bella azione d'attacco delle venete.

Finale Coppa_Italia_2013_028Longega nella ripresa inserisce Lagonia per la febbricitante Squizzato, mentre al 26' manderà in campo anche Mason per Ledri, un'altra giocatrice che forse avrebbe fatto comodo dall'inizio. Al 6' Brumana fa velo sulla punizione di Parisi, Ohrstrom vede la sfera solo all'ultimo, ma rimedia in due tempi, subendo anche fallo. All'11' il Verona va vicinissimo al pareggio: Girelli subisce fallo, Lagonia va a calciare da posizione defilata sulla sinistra. Il cross arriva sulla testa della stessa n. 10 scaligera che impatta alla perfezione, ma Marchitelli risponde alla grande alzando sopra la traversa. Cinque minuti dopo la gara si chiude: Mauro scappa via sulla fascia sinistra, dal fondo mette sul limite dell'area piccola un rasoterra, sul quale Camporese si avventa e di prima gira a rete. Ohrstrom si oppone d'istinto, ma la palla sbatte contro il palo alla sua destra e carambola lentamente in rete. Il raddoppio è un'autentica mazzata che spegne letteralmente le velleità delle scaligere. Anzi nella mezzora restante sono l'imprecisione delle attaccanti friulane e la bravura del portiere svedese delle venete a evitare che il Tavagnacco dilaghi. Al 32' Rodella serve in area la liberissima Zuliani che calcia di prima chiamando Ohrstrom al miracolo, mentre al 39' Brumana la grazia calciando fuori un rigore in movimento. Mauro al 40' si fa ipnotizzare dalla n. 1 scaligera, mentre al 45' assiste Zuliani che da pochi metri calcia fuori. Al triplice fischio esplode la gioia incontenibile delle ragazze di Marco Rossi. Capitan Brumana alza al cielo la Coppa Italia 2013, il primo trofeo per la bacheca della società friulana. Con questo spirito però, molti altri traguardi aspettano le atlete friulane a cominciare dal prossimo appuntamento con la Supercoppa ad agosto, contro le campionesse d'Italia della Torres.

Finale Coppa_Italia_2013_063VERONA-GRAPHISTUDIO TAVAGNACCO-0-2

Reti: Mauro al 5' p.t. e Camporese al 16' s.t.

Verona: OHRSTROM, SQUIZZATO (dal 1' s.t. LAGONIA), LEDRI (dal 26' s.t. MASON), TOSCANO AGGIO, KARLSSON, DI CRISCIO, TOSELLI, GABBIADINI (cap.), ZORRI, GIRELLI, CARISSIMI. All. Renato Longega. A disposizione: Tasselli, Gelmetti, Capelloni, Belfanti e Maceri.

G. Tavagnacco: MARCHITELLI, BISCHI, RODELLA, TUTTINO, LATERZA, MARTINELLI (dal 49' s.t. POCHERO), BONETTI (dal 21' s.t. ZULIANI), PARISI, MAURO, BRUMANA (cap.) (dal 47' s.t. OLIVER), CAMPORESE. All. Marco Rossi. A disposizione: Bonassi, Zandomenichi, Tommasella e Nardella.

Arbitro: Francesca Campagnolo di Bassano del Grappa. Assistenti: Ilaria Melchiorri di Modena e Francesca Loddo di Ferrara.

Ammonite: Laterza, Brumana e Camporese (T).

Note: Giornata caratterizzata dal sole caldo e dalla temperatura finalmente gradevole. Presenti sugli spalti circa 600 spettatori. Migliori in campo: Toscano Aggio (V) e Mauro (T).

 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

verona-2-2013 thumb307_Il Tavagnacco conquista con merito la sua prima Coppa Italia contro un Verona sotto tono e condizionato dal gol subito in avvio di gara.
Verona e Tavagnacco scendono in campo allo Stadio Morgagni di Forlì in un pomeriggio finalmente soleggiato per la finalissima della Coppa Italia giunta alla quarantesima edizione. Pubblico delle grandi occasioni, almeno un centinaio i supporters veronesi giunti in Romagna, e diretta Rai per l'ultimo importante appuntamento stagionale del calcio femminile.
Le friulane passano in vantaggio al primo affondo sfruttando un colossale malinteso tra le due svedesi del Verona Ohrstrom e karlsson che lasciano via libera a Mauro. La numero nove del Tavagnacco che da posizione defilata insacca a porta sguarnita.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

verona-2-2013 thumb307_Sabato alle 15,30 allo Stadio Comunale Morgagni di Forlì l'atto conclusivo della Coppa Italia, la finalissima tra Verona e Tavagnacco. Diretta Raisport 1. Scaligere per tornare grandi e mettere in bacheca la quarta Coppa Italia, Friulane per conquistare il primo trofeo importante della loro storia. 
Saranno sicuramente emozioni forti quelle che si potranno vivere questo sabato allo Stadio Comunale "Tullo Morgagni" di Forlì dove, a partire dalle 15,30, con diretta Raisport 1, Verona e Tavagnacco si daranno battaglia nella finalissima di Coppa Italia femminile, manifestazione giunta alla quarantesima edizione.
Le veronesi arrivano all'atto finale della competizione tricolore sulle ali dell'entusiasmo per aver eliminato ai calci di rigore le campionesse d'Italia della Torres, e dopo un lungo cammino iniziato a suon di gol il due settembre con il triangolare preliminare. Gabbiadini e compagne hanno buttato fuori squadre via via più titolate, eliminando nell'ordine Sudtirol, Mozzanica, Brescia e Torres.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

logo napoli_cy_thumb_medium205_250La società Napoli Calcio Femminile vuole ringraziare la società TAVAGNACCO per la splendida accoglienza riservata alla nostra società ed alle nostre ragazze sabato in occasione della partita di semifinale di Coppa Italia.
Questo è lo spirito giusto che deve contraddistingure il nostro calcio per portarlo a rappresentare, sempre più, una nuova frontiera del gioco più bello del mondo. Allo stesso tempo ci sentiamo però in dovere di stigmatizzare gli autori della radiocronaca web della partita, ben sapendo che con la società ha poco a che vedere. Questi si sono resi autori di diverse inesattezze e di diverse affermazioni gratutite nel corso della stessa radiocronaca. Affermazioni riguardanti, soprattutto, la nostra calciatrice giapponese (a loro dire individuata in una comitiva di turisti a Napoli, mentre oltre ad essere stata protagonista di uno splendido campionato, la stessa ha disputato un mondiale con la maglia della sua nazionale) ed alcuni legami del nostro sponsor principale con il suo paese di nascita. Carpisa e Yamamay infatti non sono presenti per nulla su questi mercati, ne lo saranno nei prossimi anni. Li proporremo a breve per una candidatura a Mediaset per sostituire la Gialappa's Band a cui forse si sono ispirati senza averne comunque qualità e competenze calcistiche per imitarli. 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

verona-bus-forliPer seguire le ragazze del Verona impegnate nella finale di Coppa Italia in programma sabato 1 giugno alle ore 15,30 allo Stadio Comunale di Forlì, viene organizzato un pullman con partenza sabato alle 11,45 dal parcheggio "A" dello Stadio Bentegodi ( fianco Masprone) e alle 12,00 dal Circolo Sportivo Pupi in via G. Anselmi 9, a San Massimo – Verona.
Il costo del viaggio è di 10 euro con ingresso gratuito allo stadio.
Per iscrizioni inviare una e-mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefonare allo 045 8900393 entro giovedì indicando, oltre al nominativo, un recapito telefonico e il luogo di partenza.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

VR-TORRES Coppa_Italia_2013_044Verona - Al termine dell'ennesima soffertissima sfida con le rivali di sempre della Torres, il Verona Femminile conquista l'accesso alla finalissima di Coppa Italia 2013 che si disputerà sabato prossimo a Forlì, contro la Graphistudio Tavagnacco. Una gara che le campionesse d'Italia hanno cercato di attraccare in porto con il solito fraseggio elegante, ma le scaligere, prive di Carissimi squalificata e Pini infortunata, sono riuscite coltello tra i denti a contenere le avversarie per buona parte della gara, facendo peraltro vedere le cose migliori in fase offensiva, grazie ai rapidi contropiedi di cui le gialloblù sono maestre. Questo almeno fino al calcio di rigore realizzato da Manieri che ha rotto gli equilibri nella ripresa. Ma quando tutto sembra ormai scritto, Silvia Toselli, non certo la più celebrata delle scaligere e una delle più tartassate dal buon Longega, trova a tempo scaduto quello spiraglio che porta il Verona ai calci di rigore e il sorriso ad un ambiente che nel corso della stagione troppe volte si è ritrovato con l'amaro in bocca. 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

yamamoto5Non riesce l’impresa alle napoletane, il Tavagnacco vince e va in finale (3-0).
Il Napoli Calcio Femminile non riesce a conquistare la seconda finale consecutiva di Coppa Italia. Al termine di una stagione esaltante la squadra del presidente Lello Carlino è stata sconfitta in semifinale dal Tavagnacco (3-0), in trasferta, al termine di una sfida molto difficile contro le vice campionesse d’Italia. Le friulane, infatti, hanno lottato fino all’ultima giornata con la Torres per provare a conquistare lo scudetto e hanno voglia di rifarsi nella finale della Coppa (che si giocherà sabato prossimo a Forlì e vedrà il Bardolino Verona come altra finalista, dopo il successo 5-3 ai rigori contro la Torres). Resta, comunque, un risultato storico, con il quinto posto nella prima stagione in serie A e la seconda semifinale consecutiva in Coppa Italia.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

verona-2-2013 thumb307_Grandissima impresa delle ragazze in maglia gialloblù che eliminano ai calci di rigore la corazzata Torres ed approdano alla finalissima di Forlì.Verona e Torres di fronte per una sfida senza appello che vale l'accesso alla finalissima di Coppa Italia. Sarde al gran completo, veronesi prive a centrocampo di Pini e Carissimi. L'ormai consueta pioggia non abbandona le squadre neppure in un freddo 25 maggio.Avvio di gara con entrambe le formazioni guardinghe. La Torres ci prova con Domenichetti da fuori, mentre l'occasione propizia per le gialloblù arriva al 20′ con Gabbiadini che chiama all'intervento Thalman.Il capitano gialloblù fa gridare al gol i tifosi scaligeri al 26′ ma la sua conclusione da posizione molto favorevole termina di un soffio a lato. La risposta delle sarde arriva poco dopo con Domenichetti che si fa largo in area ma calcia tra le braccia di Ohrstrom.Al 32′ Melania Gabbiadini in area di rigore supera in velocità Tona e conclude sfiorando l'incrocio dei pali.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

coppa-italia-semifinali-2013Quattro delle prime cinque classificate in campionato si contendono la semifinale dell'edizione 2012-2013 della Coppa Italia. Vigilia di grande attesa per le quattro protagoniste che domani alle ore 16.00 si affronteranno per dare vita a due match di alto valore tecnico, tattico e agonistico. 
Gli sportivi di calcio femminile, che non potranno recarsi presso i campi di gioco, potranno seguire le vicende delle due semifinali con la diretta tv di Verona - Torres e la radio cronaca web di Tavagnacco - Napoli.
Sul sintetico dello stadio Olivieri si rinnova la grande sfida tra il Verona e la Torres. Le veronesi, in netta ripresa, galvanizzate dalla bella vittoria contro il Brescia e con una Gabbiadini in gran spolvero dovranno fare i conti con le consolidate campionesse d'Italia, forti di un rendimento costante e sempre motivate per nuovi traguardi da conquistare. Un match che si deciderà sugli episodi con le veronesi più incisive e le sarde più concrete.

Pagina 1 di 4

Si possono piazzare scommesse sportive naturalmente anche sul calcio femminile. Il sito www.i-bookmakers.it vi offre le valutazioni di tutti gli operatori importanti e molte informazioni sulle scommesse sportive

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan di proprietà di Pettinati Editore.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!

Search