Domenica, 21 Luglio 2019
appstore googleplay
windows store
bari chievoverona40 fiorentina florentia50 juve milan40 mozzanica orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Cartellino Rosso alla violenza

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


cartellino rosso cappelluti
E’ impossibile purtroppo pensare ad un mondo in cui non esista violenza. Ancor più difficile se la violenza da voler eliminare è quella verso le donne. Nella donna già per definizione sono statisticamente minori, rispetto al maschio, taglia, massa corporea totale e dei singoli organi nonché potenza muscolare. Nel mondo animale è oggettivamente un soggetto a rischio di dominio da parte del maschio.
Ma se fisicamente la donna è inferiore rispetto all’uomo, un uomo che aggredisce una donna fisicamente e/o moralmente ha una personalità di gran lunga inferiore rispetto la sua vittima.
Alfred Adler, psicoanalista austriaco, affermò che è il senso di inferiorità che dà origine agli sforzi per raggiungere la sicurezza psicologica che non può prescindere da un’autoaffermazione spesso rancorosa. E questi sforzi sono messi in atto distruggendo e deturpando ciò che viene considerato, spesso inconsciamente, migliore di sè. Equivale dunque a una manifestazione palese dell’invidia e a una difesa contro la sofferenza di sapere di non poter possedere tali qualità.


E’ un tema delicato, difficile da far comprendere a chi invece pensa di essere considerato forte e potente aggredendo. Ma chi aggredisce è il primo che non vuole essere aggredito, e questo perché? Perché si proiettano nell’altro, in questo caso nella donna, le proprie debolezze.
E spesso sono le donne le spietate protagoniste di una violenza declinata al femminile, fatta di rancori e rabbie ancestrali, ostracismi e feroci pettegolezzi, invidie e rivalità, amicizie spezzate o mai nate che, nonostante le lotte e le conquiste del femminismo, non solo ha consentito alla cultura maschilista dominante di rimanere radicata nella società, ma di fatto e questo è il problema grave, ha anche contribuito ad alimentare e legittimare questo dominio.
Nella mia attività di psicologa dello Sport che mi permette di essere a contatto anche con sportive come per esempio nel calcio femminile, aiuto a non mettere in atto questa violenza donna a donna sia in campo che negli spogliatoi.
Bisogna parlare ma soprattutto ascoltare sia le vittime che i “carnefici”. Il mio ruolo è quello di pormi a loro senza distanze, un punto di riferimento ogni qual volta le loro debolezze incomincino ad emergere. Non una dottoressa ma una confidente. Dare loro quell’appoggio che spesso in famiglia è mancato o manca.
Di frequente alla base di questi atteggiamenti c'è un rapporto conflittuale in famiglia, tra genitori e figlio, tra fratelli, o nel caso di donne tra madre e figlia o tra sorella e sorella.
Il principio da fare proprio è “Sono un essere umano come te e come tale ti ammiro, ti rispetto e ti sostengo”. Un cammino lungo e spesso difficile ma con pazienza porta a riconoscere e rispettare in primis se stessi per poi conseguentemente rispettare l’altro.

Dott.ssa Roberta Cappelluti
Psicologa Clinica e dello Sport, Calciodonne.it
+39.349.0095906
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Via Grumes, 26
00124 Roma

roberta cappelluti
Author: roberta cappellutiWebsite: #Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Autrice
Dott.ssa Roberta Cappelluti - Psicologa Clinica e dello Sport +39.3490095906 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

No Results Found

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan di proprietà di Pettinati Editore.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!