Venerdì, 14 Agosto 2020
appstore googleplay
windows store
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

REGGIANA - BARDOLINO VR 1 - 2

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


LA REGGIANA REGALA IL PRIMO TEMPO (E I TRE PUNTI) AL BARDOLINO La Reggiana praticamente non scende in campo nel primo tempo, gioca (e alla grande) solo nel secondo, ma non basta. E così cede partita e tre punti al Bardolino. Le campionesse d’Italia recriminano dal canto loro per non aver chiuso la partita nel primo tempo, soffrono fino alla fine e probabilmente pagano un tributo importante alla causa per quanto riguarda gli infortuni di Gabbiadini e Stefanelli. Praticamente c’è solo Bardolino nel primo tempo. Le venete mettono sotto letteralmente le granata che probabilmente pagano l’assenza da troppo tempo del ritmo partita, nella testa e nelle gambe, tanto che giocano a ritmi e a intensità da amichevole. Mentre le ospiti si sono presentate in campo con la testa e il piglio del big-match, confermando la mentalità da grande squadra. Fatto sta che già al 18’ il Bardolino è avanti 2-0 con da centro area gol di Boni al 13’ su cross dalla sinistra di Parisi e con il raddoppio di Paliotti dopo incursione sempre dalla sinistra stavolta di Gabbiadini. In precedenza già al 3’ Girelli aveva lanciato Gabbiadini che aveva battuto in diagonale sul palo opposto mancando la rete. La Reggiana si fa vedere al 22’ davanti (Sabatino, lanciata da Nasuti su calcio da fermo) che si gira bene ma si vede respinto il tiro da Brunozzi. Sugli sviluppi dell’azione, tiro di poco alto di Spina. Poi ancora Bardolino. Al 24’ Tuttino lancia Gabbiadini, che tergiversa e poi è brava Vicenzi a sradicarle il pallone dai piedi in uscita. Vicenzi dice no anche nel finale quando Gabbiadini scappa via ancora dalla sinistra e crossa per Girelli che si vede respingere il tiro dal portiere granata. Al 41’ incredibile incrocio dei pali preso da Boni: sugli sviluppi dell’azioni Parisi grazia ancora Vicenzi. Finale per la Reggiana. Parejo (una tra le più reattive delle granata anche se in almeno un paio di occasioni troppo egoista), ben lanciata si presenta sola davanti a Brunozzi che fa un miracolo e dice di no. Sugli sviluppi dell’azione Sabatino di testa manda out. Nel secondo tempo fuori Colzi (febbricitante) per Baldi, fuori Costi per Vicchiarello, che si piazza dietro le punte. Ma è tutta la Reggiana che parte in ogni caso con tutto altro ritmo e volitività, pressing e gioco di prima. Parejo al 12’ ha un’altra occasione favorevole. Sola in area tenta il pallonetto di fino e Brunozzi salva col contributo di Stefanelli (che si fa male nell’occasione e deve lasciare il campo in barella sostituita da Ledri). Al 19’ palo clamoroso di Vicchiarello su punizione dalla trequarti. La palla sbatte sull’interno del palo e poi attraversa tutto lo specchio danzando quasi sulla linea di porta. Due errori davanti di Parejo, che poi al 30’ serve una palla d’oro in area a Spina che però tira alto. Un minuto prima Longega si era coperto con l’ingresso di Barbierato al posto di Boni. Al 30’ prova il tutto per tutto Milena Bertolini mettendo dentro Brutti per Barbieri, e giocando di fatto con quattro giocatori in propensione offensiva. Mossa azzeccata perché al 39’ proprio su assist di Brutti è Parejo che con freddezza davanti a Brunozzi centra l’angolino opposto piazzando la sfera in rete a fil di palo. Nel frattempo era fuori campo Gabbiadini che rientrerà solo per onore di firma con un vistoso taping alla caviglia, praticamente impossibilitata a correre. Vero e proprio forcing della Reggiana. Al 42’ è Vicchiarello che dal centro dell’area su assist di Parejo tira e mira l’angolo più vicino e chiama a un bello e difficile intervento Brunozzi. La Reggiana chiude in avanti ma il triplice fischio gela il Mirabello. “E’ lo stesso copione, un film già visto, che si ripete nelle partite importanti – commenta a fine gara il tecnico Milena Bertolini – abbiamo bisogno di prendere gol per iniziare a giocare. E non riusciamo ad avere in queste partite tutte e undici giocatrici a posto. Alla fine perdiamo non per la qualità del gioco ma per un atteggiamento mentale sbagliato. Una sconfitta che toglie molto perché ci fa capire che per il m omento siamo una squadra non all’altezza delle migliori”. “Nel secondo tempo – il parere invece di mister Longega, tecnico del Bardolino - la Reggiana ha fatto una grandissima partita e abbiamo rischiato di pareggiare questa gara. Credo però che se giochiamo come nel primo tempo sicuramente saranno poche le squadre che potranno metterci in difficoltà e ogni traguardo può essere possibile”. TABELLINO: REGGIANA-BARDOLINO 1-2 REGGIANA: Vicenzi, Colzi (1’ st Baldi), Costi (1’ st Vicchiarello), Casile, Magrini, Neboli, Spina, Barbieri (30’ st Brutti), Sabatino, Nasuti (cap.), Parejo. All. Milena Bertolini. A disp.: Tasselli, Fragni, Faragò, Capelli. BARDOLINO. Brunozzi, Schiavi, D’Adda, Parisi, Stefanelli (cap.)(13’ st Ledri), Tuttino, Paliotti, Gabbiadini, Girelli (15’ st Da Rocha), Boni (29’ Barbierato), Motta. All. Longega Renato. A disp.:Sometti, Villar, Toselli, De Stefano. RETI: 13’ Boni, 18’ Paliotti. 39’ st Parejo Arbitro:Alessandro Pontrera di Bologna Angoli: 2 a 9 per il Bardolino Ammonita: Barbieri (R) RISULTATI FINALI Calcio Chiasiellis-Atalanta Femminile - RINVIATA per impraticabilità di campo dovuta al maltempo. Data, campo ed orario del recupero saranno comunicati a breve Reggiana CF-Bardolino Verona 1-2 (13' pt Boni (B), 18' pt Paliotti (B), 39' st Parejo (R) Fiammamonza Dilettante-Brescia Femminile 1-2 (8' pt Ricco (F), 37' st Miranda (B), 40' st Vukcevic (B) Venezia Casinò-Graphistudio Tavagnacco 0-0 Ufficio stampa Reggiana Torres Calcio-Torino 3-0 (19', 29', 32' pt Panico (Torres) Roma CF-Lazio CF 0-1 (5' st Caramia)
Author: AdminEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.