Sabato, 28 Marzo 2020
appstore googleplay
windows store
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

REGGIANA vs FIRENZE 0 - 0

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Allo stadio Stadio Mirabello, il vecchio impianto della Reggiana maschile che ha visto il primo gol in carriera di Del Piero, il Gioiello fa 0-0 con la squadra granata nella quarta giornata di ritorno della serie A femminile. Tra le fila delle gigliate rientrava Serena Patu dopo la squalifica, schierata da titolare da mister Ciolli; inizialmente fuori Sara Colzi. In campo anche Alia Guagni, nonostante qualche acciacco riportato nella recente uscita in nazionale in Olanda. Tra le padrone di casa invece il tecnico Milena Bertolini non schierava dall’inizio per motivi disciplinari interni Lina Marsico, anche lei reduce dalla spedizione azzurra e autrice del gol che all’andata chiuse la gara sul 2-0 dopo il rigore trasformato da Katia Serra. La Reggiana non aveva mai fatto punti quest’anno al Mirabello e ha quindi sfatato il tabu. In tribuna anche l’attaccante viola Francesca Baglieri, indisponibile, venuta appositamente per sostenere la squadra. Un bel gesto. La Reggiana, schierata con un ordinatissimo 4-4-2 è poca cosa, Firenze inizialmente si fa vedere di più nella metà campo delle padrone di casa. Al 10’ tiro di Orlandi un palmo fuori. Al 16’ Gori lanciata da Patu in area tira debolmente sul portiere. Al 18’ è la stessa Gori che ci prova con un tiro a spiovere dal vertice destro dell’area di rigore. Al 19’ il primo rischio per le gigliate con Sabatino che si trova da sola in area, Leoni devia in angolo. Firenze prova a fare gioco con Spina a impostare e Orlandi indomita a centrocampo, ma non sfrutta gli ampi spazi a disposizione. Ciolli blocca tutte le avversarie a tutto campo. Dalla metà del primo tempo però è la Reggiana che pressa di più, ma anche l’attacco granata non incide più di tanto. Nel secondo tempo entra la Marsico. Gori vince un rimpallo e sola davanti al portiere ci pensa troppo e poi tira debolmente dalla distanza, colpo di testa di Guagni e palla deviata in angolo. Si fa male Giulia Orlandi, Colzi entra e viene schierata da punta centrale insieme alla Barreca. Al 14’ tiro di Nasuti, Leoni devia in angolo. Il portiere si ripete al 19’ con un provvidenziale intervento in uscita su Sabatini lanciata sola in area. In difesa giganteggia Elena Bruno, ma le altre non sono da meno. Al 27’ Colzi si lavora un pallone e dalla destra fa partire un traversone per Lucherini sola in area, tradita però dal rimbalzo. Al 30’ Sabatini penetra in area dalla destra, traversone insidioso, la difesa viola si salva. Al 32’ azione insistita Barreca-Colzi, punizione dalla lunetta: batte Patu, traversa, sulla respinta ci mette un piede Colzi, il portiere Fazio para d’istinto. Al 40’ Reggiana pericolosa con Tavalazzi, Leoni devia in angolo. Finisce con Firenze in avanti, il pareggio che Ciolli voleva, anche se è una vittoria di Pirro per il successo dell’Agliana per 2-0 sull’Atalanta: pistoiesi di nuovo avanti in classifica e Firenze di nuovo in zona retrocessione un punto dietro le pistoiesi. La nota positiva è la vittoria del Porto Mantovano sul Senigallia. IL GIOIELLO DI FIRENZE (4-4-2): Leoni, Benucci, Bruno, Guagni, Pitzus, Lucherini (dal 27’ st Binazzi), Spina, Orlandi (13’ st Colzi), Patu, Gori, Barreca (38’ st Nencioni). A disposiz: Parrini. All. Francesco Ciolli REGGIANA: Fazio, Serra, Lisi (31 st Zavanelli), Barbieri (41’ st Basile), Neboli, Tavalazzi, Brutti (3’ st Brutti), Nasuti, Sabatino, Prost, Costi. A disp. Vincenzi, Boccedi, Bonati. All. Bertolini. Angoli: 3-1 per la Reggiana Ammoniti: nessuno Arbitro: Aversano di Treviso CARLO CAROTENUTO FIRENZE
Author: AdminEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.