Lunedì, 01 Giugno 2020
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Masera, che sfortuna!

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Betlamini

 

Masera che sfortuna! Per la finale ora si fa dura
C'era grande attesa per la semifinale d'andata di Coppa Piemonte che vedeva le ossolane opposte al PVF.
È stata una partita molto fisica, caratterizzata da scontri di gioco molto spesso al limite, giocata con cuore e orgoglio dalla nostre, che però non sono bastati per sopravanzare le rivali. La sconfitta uno a zero non compromette definitivamente le speranze di qualificazione alla finale ma rende sicuramente il percorso in salita. Servirà una vittoria a Pertusio nella partita di ritorno per poter infatti superare il turno.
La partita; si capisce fin da subito il copione della gara: come è successo spesso nelle ultime uscite, le avversarie rinunciano a giocare preferendo chiudere gli spazi per provare a ripartire in velocità. Le maseresi invece tentano di imporre il loro gioco ma spesso risultano imprecise, a causa del pressing avversario e del campo, che non aiuta di certo chi è meglio dotato tecnicamente.
Al 10' la prima occasione: l'ottimo inserimento di Capristo fa si che si presenti a tu per tu col portiere. Il diagonale di prima intenzione però è impreciso e termina a lato.
Dieci minuti più tardi invece arriva il vantaggio avversario: punizione della sinistra all'altezza della trequarti, il pallone deviato da Oberoffer si impenna a campanile, sul quale il numero 9 del PVF è più lesta di tutte ad avventarsi. La conclusione al volo si insacca inesorabilmente per l'uno a zero ospite.
Da li in poi una serie di episodi fanno capire a tutti che per il Masera non è proprio giornata. Al 25' in uno scontro a centrocampo Capristo subisce un colpo al volto ed è costretta ad uscire.
Poco più tardi invece è Martina Cerini ad essere sfortunata con una bella conclusione che colpisce la traversa. Stessa sorte era toccata precedentemente ad una punizione dai trenta metri di Betlamini.
Infine poco prima del riposo è Pullano a riportare una distorsione al ginocchio in uno scontro vicino alla bandierina che la costringe ad abbandonare la partita.
Secondo tempo; la ripresa diventa un assedio delle padrone di casa, a caccia almeno del meritato pareggio. Canonico e Molinari, chiamate a sostituire Capristo e Pullano, riescono ad entrare bene in partita, mentre Betlamini e Rovereti prendono in mano il centrocampo, recuperando un'infinità di palloni e cercando di trovare il varco giusto nella difesa avversaria.
Le avversarie però si rintanano nella loro metà campo e hanno il merito di non concedere clamorose occasioni da gol, anche se in almeno tre circostanze Martina Cerini si costruisce con delle azioni personali altrettanti tiri, che non inquadrano purtroppo lo specchio della porta.
Nemmeno le modifiche tattiche di Tortora e i numerosi calci d'angolo a disposizione delle nostre riescono a sortire effetti: finisce uno a zero per il PVF, protagonista di una prova solida e concreta.
Il Masera esce comunque a testa alta da quest'ultima stagionale in casa: una giornata nera per le nostre ragazze che avranno comunque ancora una chance il 14 giugno a Pertusio nel match di ritorno, nel quale saranno obbligate a vincere per ribaltare il risultato odierno.



 

Ufficio stampa Masera

 

Nella fotografia: Martina Betlamini

Enrico Manassero
Author: Enrico ManasseroEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.

Please publish modules in offcanvas position.