Lunedì, 01 Giugno 2020
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Il Piemonte Vda Femminile rallenta con le Marche su un campo "indecente"

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


alt

Non riesce a trovare la terza vittoria consecutiva al 51° Torneo delle Regioni il Piemonte Valle d'Aosta Femminile che viene bloccato sul pareggio dalle Marche. A conti fatti la selezione di mister Foderaro può essere contenta di questo punto, giunto al termine di una sfida ai limiti dell'impossibile che con il calcio ha ben poco a che vedere. Malosti in porta, Tabor, Giordano, Lovera, Toscano in difesa, Antonietti, Zabellan, Mancin e Civalleri in mediana a sostegno di Bianco e Fasciolo: questo è l'undici sceso in campo per difendere la maglia piemontese. Il campo che le ragazze si trovano dinanzi è letteralmente imbarazzante: terra battuta e qualche filo d'erba tant'è che i pochi spettatori sugli spalti credono di trovarsi al Roland Garros per guardare un match tra Federer e Nadal. Il vento incredibile che si abbatte su Marconia non fa altro che peggiorare la situazione con terra negli occhi delle ragazze e sfera che gira dove vuole. La cronaca del match è un mero racconto di lanci lunghi, con palloni irraggiungibili e poca lucidità da entrambe le squadre. Le Marche sembrano più in palla e si fanno vive dalle parti di Malosti con maggior insistenza senza, però, riuscire ad andare a rete. La risposta piemontese sta tutta nella conclusione di Fasciolo dalla distanza che termina a lato. La ripresa inizia con il Piemonte Vda più propositivo che si fa pericoloso con Bianco e Marcella le cui conclusioni sono bloccate da Guidi. Al 22' arriva l'occasione più ghiotta della partita: Bianco viene falciata al limite dell'area, Zabellan si incarica della punizione ma il tuo tiro viene accompagnato dal vento sulla traversa con il portiere marchigiano immobile. Dopo di che inizia la 'mattanza' del terreno di gioco: la prima a farne le spese è il capitano Elisa Zabellan che deve abbandonare il campo per un problema muscolare, poi tocca a Barbara Toscano lasciare la contesa, ma l'infortunio qui è ben più grave con la rottura della clavicola. L'ultima vittima di questo terreno di gioco indecente è, infine, Emanuela Bianco anch'essa ai box per un brutta botta all'anca. La sfida termina con le marchigiane che spingono sull'acceleratore provando ad impensierire una squadra molto scossa dall'infortunio di Toscano. Il triplice fischio finale sancisce l'end di questa 'corrida': un campionato a livello nazionale merita ben altri terreni di gioco.

MARCHE: Guidi, Domi, Contisciani, Volonnino, Andreacci; Boutimah (18'st Monterubbiano), Catena, Mosca, Berti; Fabbretti, Fiorella.

PIEMONTE VDA: Malosti, Giordano, Lovera, Toscano (34'st De Masi), Tabor; Civalleri (1'st Marcella), Zabellan (25'st De Masi), Mancin, Antonietti (15'st Mellano); Fasciolo, Bianco (36'st Di Nuzzo). All: Foderaro



NOTE Ammonite Zabellan, Di Maria (P)

 

Andrea Rubiolo

Fonte: Campioni.cn

nella fotografia Barbara Toscano

Enrico Manassero
Author: Enrico ManasseroEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Category

Author

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.

Please publish modules in offcanvas position.