Giovedì, 29 Giugno 2017

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il ministro per lo sport Luca Lotti e il ministro della salute Beatrice Lorenzin hanno firmano il decreto legge che sblocca una situazione insanata dal 2013, quando morì Piermario Morosini. Entrerà immediatamente in vigore dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale l’obbligo per le società e le associazioni dilettantistiche di dotarsi del defibrillatore obbligatorio all’interno dell’impianto sportivo in cui vengono svolte le attività.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

cesari rilancia problem

Si continua a parlare di calcio femminile in continua crescita, dell’evoluzione dell’altra metà del calcio, ma a mio parere al momento non si sono ancora visti interventi decisivi che possano apportare i miglioramenti sperati.
Relativamente alle iniziative messe in campo, con riferimento ai centri federali che sulla carta sono stati creati per favorire lo sviluppo del calcio femminile, mi preme evidenziare che, almeno per ora, mi risulta che abbiano creato ulteriori disagi alle famiglie e alle società, senza aver portato nulla di nuovo.
Ma la cosa più allarmante è che in questi “CENTRI FEDERALI” o “RAPPRESENTATIVE” le giocatrici non sono nemmeno assicurate, salvo il poter ricorrere all’assicurazione della LND che attualmente rimborsa somme inadeguate a coprire i costi necessari a sostenere un completo recupero da un eventuale infortunio.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

telecamere
IL Corriere della Sera di lunedì scorso, nelle pagine dell’Economia, ha fatto un’interessante inchiesta su: Calcio & Affari, firmata da Stefano Agnoli, dalla quale si evince che “il nostro CALCIO, piace, ma non RENDE” e che tutte le squadre “sono legate ancora eccessivamente ai ricavi TELEVISIVI”. In Italia il monte salari per i giocatori è di 1.309 miliardi di euro più i costi di gestione, mentre sono sempre meno i ricavi dati dalle vendite dei biglietti e solo chi ha stadi di proprietà, come la Juventus, ma anche il Sassuolo e l’Udinese, può avere altre entrate che aiutano a sostenere i costi complessivi.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

torinocalciofemminile17
A seguito delle gravissime espressioni omofobiche e dello scherno a cui sono state sottoposte le Giovanissime, il Torino Calcio Femminile revoca la sua partecipazione al Torneo di Giaveno.
In relazione a quanto accaduto nella partita di ieri sera contro la Bruinese (maschile) il TCF, a tutela delle proprie ragazze, ha già inviato un primo esposto alla Procura Federale dandone notizia ai vertici della Figc e del Dipartimento Calcio Femminile.
La situazione gravissima di scherno e di atteggiamenti omofobici che hanno condizionato la competizione sportiva e turbato la sensibilità delle ragazze hanno imposto questa precisa scelta alla società affinché sia di monito e di insegnamento per tutto l’ambiente calcistico.

Torino 14 aprile ’17

Il Presidente
Roberto SALERNO

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

signorile gameover
E glielo avevo detto io:  "Impar e noif"... ma sia lei che le società hanno continuato a darle fiducia, nonostante la sua decadenza da coordinatrice dopo la retrocessione. Ma la domanda importante che mi e vi pongo è la seguente: l'inibizione della Signorile è stata inoltrata, dalla segreteria del Dipartimento, a tutte le società???
Ecco la conferma di quanto detto a suo tempo. In data 13 marzo 2017, con comunicato nr. 133/AA, la FIGC rende quanto segue:

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

assopresidenti cf
Con piacevole sorpresa, sabato pomeriggio, ho ricevuto una proposta da parte di un pool di avvocati che sintetizzo pubblicamente, dopo un’attenta riflessione, all’attenzione di tutti i presidenti di calcio femminile.
A suscitare l’interesse dei legali, con esperienza anche nel diritto sportivo, lo stato attuale in cui riversa il nostro movimento dilettantistico. Le gioie delle squadre apparentate con i club professionistici, che vivono momenti di speranza e riconoscimento, sono invece dolori per le società dilettantistiche che sono sempre di più abbandonate a se stesse. Basti pensare al recente sfogo pubblicato dal Verona, storica società di calcio femminile, che lamentava la mancata risposta, ad un loro quesito, da parte del Dipartimento.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

prosambo azzurre partitella
Domenica si è giocata la 6a giornata di ritorno del girone C di Serie B: in campo Pro San Bonifacio e Azzurra San Bartolomeo.
Finiti i primi 45’, le giocatrici di entrambe le squadre sono rientrate negli spogliatoi per rifiatare, mentre le compagne della panchina sono rimaste in campo per effettuare un po’ di riscaldamento. Un po’ di corsa? Qualche tiro? No, una partitella. A squadre miste.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

zazzaroni panico
Quando si parla di Patrizia Panico, la mente vola, senza esitazione, ai suoi oltre 500 gol, ai tocchi deliziosi e ai tanti trofei vinti ma anche al quel suo modo di fare fuori dal campo, che non me l'ha resa mai tanto simpatica. Come atleta però è indiscutibile, ha giocato da protagonista fino ai 40 anni, con grande serietà professionale (latente nelle nuove leve) che l'hanno portata ai risultati ottenuti. Non bastano le qualità per diventare grandi calciatrici come è stata lei.
Conclusa la sua carriera calcistica, la FIGC, per i suoi meriti sportivi, le ha voluto dare un riconoscimento inusuale, inserendola nella Nazionale Under 16 maschile come seconda di mister Zoratto. Una posizione di prestigio per mettersi alla prova come allenatore e sviluppare, strada facendo, le sue doti di tecnico. Una scelta sorprendente perchè di solito le ex calciatrici sono partite tutte dalla nazionale femminile, come per esempio la più grande Rita Guarino o prima di lei Carolina Morace. 

Pagina 1 di 33

Search

Si possono piazzare scommesse sportive naturalmente anche sul calcio femminile. Il sito www.i-bookmakers.it vi offre le valutazioni di tutti gli operatori importanti e molte informazioni sulle scommesse sportive

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan di proprietà di Pettinati Editore.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!

Search