Lunedì, 16 Dicembre 2019
appstore googleplay
windows store
bari empoli40 fiorentina florentia sangimi40 inter40 juve milan40 orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Stagione 2006/2007

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Sarzana - Brescia 0-6 Sarzana - Il Brescia Femminile chiude con il bottto il suo grande campionato di serie B vincendo nell'ultima giornata in trasferta con un rotondo 6-0 contro la Sarzanese che retrocede in C. Mister Ilaria Rivola per l'occasione ha voluto dare spazio nell'undici iniziale a giocatrici che pur meritando lodi ed elogi per la stagione appena conclusa aveva avuto meno spazio come nel caso del portiere Carminati, di Veronelli e Signorelli mentre nella ripresa si sono viste le giovani del vivaio Madaschi, Oro e Mor con quest'ultima che avuto anche la gioia dell'esordio in B con gol. Insomma un bella gita a Sarzana per un Brescia che finisce la stagione in maniera trionfale basti pensare ai numeri del suo campionato: prima in classifica con 55 punti, 6 di vantaggio sulla seconda il Mozzanica e ben14 sul Multedo terzo, grazie a 17 vittorie, 4 pareggi ed una sola sconfitta.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
La Reggiana si congeda dal Mirabello e dal campionato con un altra vittoria Anche il Senigallia nulla può contro questa squadra ed esce sconfitta per 3 a 1. Squadra marchigiana che quindi retrocede in serie A2 mentre la squadra di Mister Bertolini non riesce ad acciuffare un meritato quarto posto solo perchè la Torres, che nel primo tempo perdeva 2 a 0, riesce nel finale a spuntarla sul Firenze per 3 a 2. Quinto posto quindi frutto di un girone di ritorno strepitoso. Per quanto riguarda la gara onore agli avversari che con tre pali colpiti meritavano forse qualcosa in più ma la determinazione e la mentalità  maturata dalla formazione reggiana in questi ultimi tempi sono stati fondamentali per la conquista di risultati su risultati. Ancora in gol i bomber Marsico, Sabatino e Costi. Tutta la squadra comunque merita il massimo per impegno gioco e attaccamento a questa società che in quest ultimi anni è riuscita con impegno e sacrifici a mantenere la massima categoria a livello nazionale. Che dire del Mister Bertolini Milena......grande.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
LA FIAMMA CI PROVA IN TOSCANA, ARRIVA UN PARI CHE ACCONTENTA TUTTI AGLIANA (PT) – Se non fosse calcio femminile sarebbe da considerarsi un pareggio annunciato. Un punto per salvarsi l’Agliana, un punto per conquistare la terza piazza matematica la Fiammamonza. Ma questo è calcio femminile ed è ancora (per fortuna) sport vero, sport nel quale i calcoli contano relativamente. Così biancorosse e toscane danno vita ad una gara interessante ed intensa per almeno un’ora. La squadra di Nazzarena Grilli è quella che, come da pronostico, fa la gara ed al 9’ passa grazie a Ramera liberata in verticale da assist illuminante della solita Stracchi. Le toscane tengono un atteggiamento prudente ed accorto e provano le ripartenze. Al 30’ un’uscita poco ortodossa di Marchitelli consegna a Ciardelli il pallone del pari, occasione fallita e disperazione per le locali. Nel finale di primo tempo Cupido si disimpegna bene più volte evitando il ko e le squadre vanno negli spogliatoi sul risultato di uno a zero per la Fiammamonza. Il copione non cambia nella ripresa sino a che, al 15’, Capalbio riceve in verticale su azione di rimessa delle locali ed imbrocca il pallonetto vincente. In foto Naila Ramera. - Le foto della Fiammamonza - Le foto dell'Agliana

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
SERIE A, GRAZIE DI AVERCI (RI)OSPITATO, CI RESTEREMO A LUNGO Con una trasferta memorabile, con tanto di veloce bagno nella splendida località di Stintino la mattina prima della gara, Il Gioiello Firenze ha chiuso il campionato di serie A. La gara contro la Torres è stata persa per 3-2, dopo che le viola si erano illuse e avevano dominato il primo tempo, chiuso in vantaggio per 2-0 (anche se i tabellini ufficiali della "prima ora" danno notizia che la prima parte di gara si sarebbe conclusa sull'1-1). Per le viola comunque una sconfitta onorevole e di misura in casa della quarta forza del campionato. Le viola, infatti, avevano messo a segno subito una doppietta nei primi minuti di gioco con Patu e Barreca, con tiri dalla distanza, e tenevano il campo con piglio e compattezza. Nel secondo tempo veniva fuori l’orgoglio delle sarde, con gli innesti di Domenichetti e Iannella che cambiavano il volto della gara, alzando molto i ritmi del gioco, con Firenze che invece pagava un po’ anche le fatiche della lunga trasferta. In foto: le ragazze del Il Gioiello Firenze

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
DOPPIETTA PER PATRIZIA PANICO CHE CONQUISTA IL TITOLO DI CAPOCANNONIERE. - DIFFERITA INTEGRALE DELLA GARA LUNEDI' SU RAISPORT SATELLITE ALLE 18,15. SINTESI MARTEDI' SU VENETOSAT. Si conclude con l'ennesima vittoria la cavalcata trionfale del Centro Pose Bardolino che ha conquistato il secondo scudetto della sua storia infliggendo un distacco di ben 13 punti al Torino. Le veronesi in uno Stadio Belvedere tinto di gialloblù hanno sconfitto per 4 reti ad una le udinesi del Tavagnacco nella passerella finale davanti al proprio pubblico. Sblocca il risultato Patrizia Panico che di prima intenzione mette in rete il pallone servitole magistralmente da una superba Gabbiadini. Il raddoppio gardesano arriva dieci minuti più tardi: calcio d'angolo battuto da Valentina Boni, sfera pennellata per la perfetta incornata di Alessia Tuttino. Alla mezz'ora la giovane Lonardi coglie la traversa e sulla ribattuta Panico si fa respingere la conclusione dall'ottima Marcutti. PATRIZIA PANICO VINCE LA CLASSIFICA CANNONIERI A QUOTA 21 RETI.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Missione compiuta. Un calcio ai calcoli e alle previsioni: l’Agliana parteciperà anche il prossimo anno al campionato di serie A. La paura non fa 90' ma si ferma al 61', questo il minuto nel quale Capalbo mette il timbro con un bellissimo pallonetto su un traguardo sofferto ma fortemente voluto. Il Fiammamonza certifica il terzo posto in classifica con la propria supremazia ma alla fine a sorridere sono entrambe le squadre che in virtù del punto conquistato raggiungono i loro traguardi personali. AGLIANA. La partita della vita. Era questo il diktat imposto alle neroverdi in un match che avrebbe potuto risucchiare quindici anni di storia se il contrassegno al fischio finale fosse stato negativo. La partita più importante della stagione se non quella della carriera di molte delle giocatrici scese in campo. Un appuntamento con il destino nelle vesti non proprio della vittima sacrificale piuttosto di un Fiammamonza tricolore uscente e voglioso di staccare il traguardo del terzo posto in classifica.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
All'ultima di campionato la Graphistudio Campagna aggancia la vetta della classifica battendo la capolista Vintl per 2 a 1. Non sono state sufficienti ventidue gare per stabilire chi fosse la squadra vincitrice del girone B. Nell’ultima giornata di campionato infatti, la Graphistudio Campagna ha agganciato la vetta della classifica, battendo, in uno scontro diretto, la capolista Vintl, con un risultato di 2 a 1. Per stabilire il primato del torneo quindi, le due formazioni dovranno affrontarsi in un’ulteriore sfida, che si terrà in data e luogo ancora da decidersi.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
SEZZE (LT) – Si chiude nel peggiore dei modi il primo campionato in serie B dell’Hidrotec Pontecagnano Femminile. Le picentine, infatti, si fanno umiliare dal Sezze che rifila alle delfine 8 gol e le rimanda, dopo un solo anno, nuovamente nell’inferno della serie C regionale. Un anno molto negativo per la compagine di via Pompei, che oltre a pagare lo scotto del noviziato paga anche alcune scelte azzardate ed un comportamento poco corretto, a metà stagione, delle sue atlete. Sicuramente il Sezze ha dimostrato, durante tutto l’arco del campionato, di essere un’ottima squadra ma è impensabile che una squadra che devi salvarsi, e quindi grintosa e vogliosa di fare bene, possa farsi rifilare ben 8 reti da una compagine che domenica scorsa ha perso il campionato e, quindi, doveva avere il morale sotto i tacchi. Venendo alla cronaca, inizia subito male per le campane. Difatti, in meno di 10 minuti le salernitane sono già sotto di due reti, ad opera di Cianci (6’) e Capponi (8’). Il Pontecagnano rimane con la testa negli spogliatoi e al 18’ Coletta cala il tris. La prima frazione di gioco scivola lentamente verso la fine con il Sezze che domina in lungo e in largo e l’Hidrotec che cerca di limitare danni. Nella ripresa le laziali dilagano. Il Pontecagnano si scioglie al sole come un gelato e per il Sezze inizia il festival del gol. Al 63’ apre le danze Salesi, con Testa (66’) che la segue a ruota. Al 76’ la solita Coletta a portare il risultato sul 6-0. Sembra finita qui, ma al peggio non c’è mai fine. All’81’ Testa firma la sua personale doppietta e porta il punteggio sul 7-0. Il Pontecagnano non ha neanche più l’orgoglio da difendere e all’87’ subisce l’ottava, ed ultima, rete messa a segno dall’ottima Coletta. Nei prossimi giorni, la presidentessa Iannuzzo e l’amministratore Enzo Marano inizieranno a programmare la prossima stagione. Voci di corridoio, specialmente dopo la debaclè in terra ciociara, parlano di una rivoluzione nel club picentino con addii eccellenti e arrivi a sorpresa.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Giù il sipario sul campionato cadetto del gentil sesso. Con la ventiduesima e ultima giornata di B va in archvio anche la stagione '06-'07 contraddistinta,nel girone E,da un infinito duello in vetta. Negli ultimi novanta minuti sono stati assegnati anche i due verdetti restanti:promozione in A-2 e la terza retrocessa in C. Discorso piani alti,in realtà,risoltosi sette giorni prima nello scontro diretto,nonché derby laziale,con la vittoria della Roma sul Sezze per 2 a 0. Setine che nonostante una conduzione impeccabile del torneo hanno pagato a caro prezzo proprio il big-match stagionale. Tra capitoline e setine è stata una sfida infinita per tutto l'anno e visto l'andamento costante rispetto alle altre pretendenti entrambe avrebbero meritato la scalata alla categoria superiore. Alla fine per soli due segmenti di vantaggio la Roma ha avuto la meglio sul Sezze e a nulla è valso un ultimo turno troppo scontato. Dal canto loro le setine hanno superato,nell'ultima giornata,in casa il Pontecagnano con un rotondo otto a zero. Le romane,invece,hanno espugnato il campo della cenerentola Marsala,retrocessa da diverse settimane,per sei a uno.

Pagina 7 di 70

Category

Author

No Results Found

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!