Martedì, 25 Giugno 2019
appstore googleplay
windows store
bari chievoverona40 fiorentina florentia50 juve milan40 mozzanica orobica40 roma40 sassuolo tava hellas verona40
iten

Serie A news 2014-15

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

sanzaccaria centrocampo14


SAN ZACCARIA - Riflettori quasi tutti proiettati sul ‘Soprani’ di San Zaccaria nell’ultima giornata di campionato di Serie A femminile. Nell’impianto ravennate sabato sbarca la capolista Verona ad un passo dallo Scudetto e seguita in Romagna da tanti tifosi, ma se le gialloblu vorranno coronare il loro sogno tricolore dovranno prima superare le biancorosse di mister Lorenzini che, nonostante abbiano già centrato il primo obiettivo stagionale con la conquista del play out salvezza, ci tengono in particolar modo a chiudere nella miglior maniera possibile il campionato davanti ai propri tifosi, cercando di regalar loro un’altra giornata da ricordare dopo quella col Brescia.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

firenze pregara orobica

 

Micol Corsiani, terzino di spinta della compagine fiorentina, e Chiara Poeta, timpano della mediana bergamasca, sono loro le due giocatrici a sorpresa che congederanno una Serie A giunta ormai al proprio termine, un’ultima edizione de “Il Punto di Vista” che, anche quest’anno, ha ricamato le pagine del sito gigliato.
Tra grinta, cuore e voglia di chiudere in bellezza la stagione hanno affrontato con raziocinio il pre gara tra Firenze ed Orobica, facendo emergere un’accesa aspirazione a dimenticare le sconfitte contro Torres e Res Roma ed una reciproca volontà di non lasciare i tre punti alle rispettive avversarie.
Micol Corsiani, Difensore del Firenze:
“E’ l’ultima uscita di questo campionato e noi vorremo dare il meglio, divertendoci e disputando una gara come sappiamo fare.
Sicuramente è stata una stagione intensa, combattuta: il rendimento collettivo è risultato alto, siamo riuscite a proporre il nostro “Calcio” e tutte le squadre che sono scese in campo a San Marcellino hanno trovato pan per i loro denti.
Preso atto di quanto appena affermato ed evidenziato anche contro l’Orobica entreremo sul rettangolo di gioco per confrontarci in un’uscita vera e d’urto.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

firenze casucci0315
Lasciatosi alle spalle la sconfitta di misura in terra sarda, 1-0 a favore della Torres, e puntando con brama al match della ventiseiesima e conclusiva giornata di campionato il Dg viola Vittorio Casucci si è presentato sulle pagine ufficiali fiorentine per dettare le linee guida finali di un’annata vissuta sulle ali dell’entusiasmo da parte dell’A.C.F., per tentare così di catechizzare e caricare il collettivo gigliato in occasione dell’ultima uscita di campionato:

“La sconfitta di sabato, in terra sarda, contro la Torres, era un risultato che, sulla carta e nel pre gara, ci poteva stare, anche se il pareggio era l’esito più calzante, dato l’andamento dei novanta minuti ad Usini.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

puntosulcampionato1415
Non è arrivato il tanto sospirato sgambetto alla capolista Verona dal Mozzanica di Nazzarena Grilli e le rondinelle biancocelesti oramai possono sperare solo in un harakiri gialloblù in quel di San Zaccaria per continuare a credere nella lotta per il tricolore.
La compagine scaligera ha però faticato molto per portarsi a casa questi tre punti, a questo punto determinanti per le sorti del campionato. Il destino sembrava aver stregato la porta orobica, nella quale una strepitosa Alessia Gritti pareva insuperabile. Questo però fino al 24’ del secondo tempo, quando cioè sull’ennesimo angolo per le padrone di casa Federica Di Criscio trovava il tempo e la coordinazione per il perentorio stacco e l’inzuccata che valeva la vittoria sulle bergamasche.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

resroma salvezza15orobicaUn gol di Pirone regala la vittoria alle giallorosse e sigilla una stagione da incorniciare.

La decima vittoria in campionato ottenuta sul campo dell'Orobica, sancisce la salvezza diretta della Res Roma, che porta addirittura a 17 punti il distacco dal Cuneo, quint'ultima forza del torneo.
Il match in terra lombarda, contro un avversario già retrocesso ma mai domo, porta la griffe di Valeria Pirone che firma la propria decima rete in campionato, confermandosi la goleador del team giallorosso.
Le assenze tra le capitoline continuano ad esser tante ma mister Melillo può contare sul rientro dal primo minuto di Manuela Coluccini, che torna titolare dopo oltre 5 mesi. Il 4-3-2-1 delle romane vede Pipitone tra i pali, Colini, Morra, Gambarotta e Cunsolo in difesa, Fracassi, Villani e Ciccotti a centrocampo, Coluccini e Simonetti alle spalle di bomber Pirone.
In panchina si rivede Nainggolan, infortunatasi con la propria nazionale nello scorso febbraio, mentre fa il suo debutto Camilla Labate, che nel secondo tempo entrerà in campo al posto di Simonetti, coronando nel migliore dei modi il proprio sedicesimo compleanno.
La Res Roma parte contratta e nei primi venti minuti di gioco lascia il comando alle padrone di casa che però non impensieriscono mai Pipitone. Villani e compagne escono fuori alla distanza, acquisiscono fiducia con il passare dei minuti e vanno vicine al gol con Pirone e Coluccini, le cui conclusioni mettono i brividi alla retroguardia bergamasca.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

brescia pordenone0515
Ultima giornata casalinga per le leonesse di Milena Bertolini che affrontano un Pordennone ormai condannato alla B. Assenti Cernoia e Tarenzi, con Karlsson in diffida. La partita si gioca su due campi: oltre al Club Azzurri un occhio non può che essere rivolto alla gara di Verona, dove la capolista affronta il Mozzanica. Le leonesse non ci mettono molto a chiudere la pratica: al 2’ Girelli rompe gli indugi su rigore procurato da Bonansea, al 15’ arriva il secondo gol sugli sviluppi di un corner e la sfortunata Perin, nell’anticipare Sabatino, insacca nella propria porta, al 18’ Nasuti chiude già il discorso con un rasoterra da fuori(è la prima gioia stagionale). Dopo questi primi venti minuti di fuoco il Brescia rallenta un po’ i ritmi, non rinunciando a rendersi pericoloso ancora con Girelli di testa, Sabatino e Rosucci. Finisce il primo tempo… Brescia virtualmente primo in classifica visto lo 0-0 di Verona.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

verona esultanza di criscio 2 0515
Al cospetto di oltre 1500 tifosi gialloblù le veronesi battono con pieno merito il Mozzanica e a 90' dalla conclusione del campionato mantengono la testa della
Verona.
Penultimo difficile scoglio per la capolista Agsm Verona che in uno stadio Olivieri gremito da oltre 1500 spettatori affronta la bestia nera Mozzanica, terza forza del campionato.
Mister Longega ripresenta dal primo minuto Lilla Sipos, assoluta protagonista, con una doppietta, della vittoria conseguita sette giorni prima sul campo del Tavagnacco.
Le lombarde giungono in riva all'Adige sicure del terzo gradino del podio ma non sono disposte a concedere nulla ad un avversario già eliminato dalla Coppa Italia nelle ultime due edizioni.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

tavagnacco sanzaccaria020515
In vantaggio con un “eurogol” di Sardu le gialloblu subiscono, nel finale, il discusso pareggio del San Zaccaria.
Solo un pareggio, per la Graphistudio, nell’ultimo impegno casalingo del campionato. Superando il San Zaccaria, le giallobluavrebbero conquistato matematicamente il quarto posto: e, invece,per sapere chi, tra le friulane, il Firenze e la Torres, sarà accampata a ridosso del podio, bisognerà attendere gli ultimi 90 minuti. Al 2’ Principi cerca di stuzzicare Copetti da trenta metri,ma il rasoterra è velleitario. All’ 11’ Frizza, servita da Zuliani (l’azione parte dai piedi di Parisi), potrebbe andare in meta, ma iltiro di destro da pochi metri è strozzato. Passano 12 minuti e le gialloblu osano su punizione dal limite. Brumana cerca il tiro a giro: piuttosto agevole è la presa di Bonaventura. Al 26’, però, il portiere salva alla grande su colpo di testa ravvicinatissimo di Camporese (il cross al bacio esce dal destro di Zuliani).

Category

Author

No Results Found

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Firenze, n. 6032 del 15 Settembre 2016, con direttore Giancarlo Padovan di proprietà di Pettinati Editore.

Newsletter

Subscribe to our newsletter. Don’t miss any news or stories.

We do not spam!